Chiesa

Vescovi Nicaragua: avanti col dialogo nonostante aggressioni e ostilità

I vescovi della Conferenza episcopale del Nicaragua hanno deciso «di continuare a fornire il servizio» che il governo cdi Managua ha chiesto loro, «come mediatori e testimoni del dialogo nazionale», «con lo stesso entusiasmo e lo stesso impegno». Lo annuncia l’agenzia Fides, riportando le parole di mons. Silvio José Baez, vescovo ausiliare di Managua, che ha annunciato come il dialogo non si fermi e come i tentativi per un accordo pacifico per la democratizzazione del paese vadano avanti.

Speranza di una soluzione pacifica

Nonostante le aggressioni fisiche e verbali subite lunedì scorso a Diriamba dal cardinale Leopoldo Brenes, arcivescovo di Managua e presidente della Conferenza episcopale, dallo stesso mons. Baez, rimasto ferito ad un braccio e a cui è stata strappata la croce pettorale, e dal nunzio apostolico, mons. Waldemar Stanislaw Sommertag, i vescovi hanno deciso di andare avanti perché sperano di trovare una soluzione pacifica alla crisi sociopolitica che affligge il Paese e che ha provocato almeno 320 morti da aprile scorso.

La Chiesa è sempre garante del dialogo

In una riunione straordinaria, la Conferenza episcopale del Nicaragua è stata unanime nella decisione di continuare come garante in questo dialogo, iniziato il 16 maggio, perché, con le parole di mons. Baez, «continuiamo a credere che il dialogo sia il modo per superare la violenza». «Non ci ritiriamo, nonostante l’ostilità del governo» ha ribadito il vescovo ausiliare di Managua. Mons. Baez ha anche esortato i nicaraguensi ad avere fede e a sperare che la pace sia raggiunta usando metodi pacifici.

Continua a leggere.

12 Luglio 2018 | 10:58
dialogo (85), Nicaragua (16)
Condividere questo articolo!
En relation