dal Mondo

Vescovi Europa-Africa: guerre e profughi frutto della globalizzazione

17.04.2018, 07:00 / redazionecatt

Roberto Piermarini – Città del Vaticano (VaticanNews)

I vescovi, che hanno elevato alla Madonna di Fatima una fervida preghiera per il Magistero di Papa Francesco, in una dichiarazione al termine del loro Seminario a Fatima, affermano che “la globalizzazione è un processo dinamico, polivalente e tocca tutti gli ambiti della vita individuale, famigliare e sociale, incluse l’economia, la politica, la cultura e la religione.

La globalizzazione crea solidarietà ma anche divario tra ricchi e poveri

“Da una parte – scrivono i vescovi – offre solidarietà tra nazioni e popoli; può servire la giustizia e la pace; può fare condividere le ricchezze spirituali e materiali a livello locale e mondiale; può propagare idee e valori nobili e costruttivi. Dall’altra parte, la globalizzazione, quando segnata dal peccato così come oggi spesso si presenta, tende a provocare un profondo divario tra ricchi e poveri, tra potenti e deboli; rinforza la lotta per il potere, per il profitto crescente e l’edonismo; distrugge l’eredità dell’alta cultura, della spiritualità e della dignità umana innescando una decostruzione delle fondamenta dell’esistenza come il diritto incondizionato alla vita (aborto, eutanasia, eugenismo…). In alcune aree del mondo si constata che una certa post-modernità irrazionale porta addirittura all’animalizzazione dell’umano e all’umanizzazione dell’animale”.

Conflitti armati e dramma di profughi e migranti, frutto anche della globalizzazione

Per i vescovi di Europa e Africa “Tanto la moltiplicazione dei conflitti armati, quanto il dramma dei profughi e dei migranti, sono frutti amari anche della globalizzazione. La Chiesa chiede il rispetto della creazione, dell’ecologia umana, dell’umanesimo integrale, dell’uomo creato a immagine e somiglianza di Dio e dotato di una dignità intrinseca”.

Evidente lo scopo distruttivo di certe ideologie che condannano alla solitudine

“L’erotizzazione della società, il pan-sessualismo e la teoria del gender – affermano i presuli di Ccee e Secam – minacciano l’istituzione del matrimonio e della famiglia. Ne consegue una società sempre più atomizzata priva di relazioni durature e che condanna ognuno alla solitudine. La gioventù è la prima vittima di queste proposte perniciose, ma con grande speranza guardiamo al prossimo Sinodo. Tali ideologie pesano fortemente sulla loro vita futura che dovrebbe essere invece basata sulla fedeltà e il rispetto tra gli sposi e tutti i membri della comunità familiare. Gli aspetti negativi della globalizzazione esigono una vigilanza attiva e coraggiosa dei sacerdoti, delle persone consacrate, dei laici, di tutti i credenti e delle persone di buona volontà”.

Sostegno delle famiglie, difesa dei poveri, malati e deboli

I vescovi africani ed europei indirizzano quindi un appello pressante per un’azione efficace in sostegno delle famiglie nel loro impegno educativo. “E in quest’accompagnamento delle famiglie – sostengono i presuli – è necessario promuovere tanto il contatto personale quanto il buon uso dei mezzi di comunicazione. Senza dimenticare che la difesa dei poveri, malati, marginalizzati e deboli, non è facoltativa ma imperativa”.

Invocato il dono della pace

I vescovi che rappresentano l’Africa e l’Europa, affidando alla Vergine di Fatima le loro comunità ecclesiali ed i loro Continenti, invocano da Dio il dono della pace per il mondo, in particolare per molte zone dove i conflitti si prolungano o si intensificano.

Oggi la Giornata internazionale della Pace

21.09.2018

Appello agli Stati e agli organismi internazionali – L'impegno della Comunità Sant'Egidio.

Santa Sede: Armi nucleari dannose per salute, ambiente, povertà

18.09.2018

Alla 62ma Conferenza internazionale dell’Aiea, mons. Gallagher apprezza gli sforzi dell’organismo Onu verso l’Iran e la Corea del Nord. Occorre un bando totale alle armi nucleari, contro “incontrollato rilascio di materiali radioattivi direttamente nell’ambiente” e per non deviare dalle “ priorità reali dell’umanità sofferente”.

Karim Asir, il "Charlie Chaplin" fra le bombe per donare un sorriso agli afghani

17.09.2018

Il giovane si esibisce per le strade della capitale nonostante i rischi e le minacce. Padre Moretti, ex-cappellano presso l’ambasciata italiana a Kabul: “È da ammirare".