Svizzera

Verso il Sinodo dell'Amazzonia. La visita di mons. Gmür in Colombia

In qualità di presidente della fondazione Sacrificio Quaresimale, mons. Gmür, Vescovo di Basilea nonché Presidente della Conferenza dei vescovi svizzeri, ha recentemente visitato diverse organizzazioni nell’Amazzonia colombiana. «In Colombia quello che è straordinario, da una parte, è la diversità delle persone e la biodiversità, molto superiore a quella che si vede da noi. Le istituzioni però non funzionano o funzionano male; la corruzione e lo sfruttamento delle risorse sono all’ordine del giorno. Questo non impedisce tuttavia alle persone di aspirare alla giustizia e a una vita degna di essere vissuta».


Mons. Gmür, in particolare, ha visitato El Cerrejón, una delle più grandi miniere di carbone a cielo aperto al mondo, che si estende su 69’000 ettari. Prima di costruirla, vi era una foresta vergine, in cui abitava un popolo indigeno. Oggi enormi macchinari estraggono carbone dal terreno. Le persone che vi abitavano hanno perso la loro casa. Una realtà che ha profondamente interrogato mons. Gmür. Ha appreso, infatti, che un terzo della compagnia di estrazione appartiene a una società di Zugo. Il carbone è esportato nei Paesi Bassi e in Germania. «È assurdo che il carbone faccia un viaggio simile, dalla Colombia all’Europa e che questa sia la via ad oggi ritenuta più economica. Non bisognerebbe piuttosto diminuire il ritmo di estrazione? Certo questo avrebbe un costo, ma preservare i mezzi di sussistenza è una priorità».


La solidarietà in soccorso alle comunità

In Colombia, nota mons. Gmür, l’unica salvezza per la popolazione locale contro le grandi multinazionali è la forza di coesione tra le comunità. Se i membri di una comunità negoziano in blocco, infatti, riescono spesso ad evitare che i compratori potenziali riescano nei loro intenti. Nessuno può decidere per se stesso, tutti entro la comunità locale devono essere d’accordo. «È dunque difficile disunire queste comunità. Fare comunione è la loro arma», conclude mons. Gmür. Il vescovo, prima di rientrare in Svizzera, ha partecipato a Bogotà, la capitale della Colombia, a un Sinodo di due giorni organizzato per preparare il Sinodo sull’Amazzonia. I Vescovi dell’Ammazzonia, gli indigeni e i climatologi presenti si sono uniti per studiare un modo efficace per salvaguardare la casa comune.

Paesaggio devastato dall'estrazione di oro illegale in Colombia (foto: Steve Cagan)
3 Ottobre 2019 | 12:46
Condividere questo articolo!
En relation