Chiesa

Venerdì Francesco apre il primo incontro internazionale per il disarmo nucleare

09.11.2017, 07:20 / redazionecatt
“Un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”. È questo il sogno di Papa Francesco (e non solo), motivo per il quale ha dato ordine al Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale di organizzare un incontro internazionale – il primo – sul disarmo atomico dopo l’approvazione del “Trattato sul bando delle armi nucleari”, firmato da 122 Paesi della Comunità internazionale (tra cui la Santa Sede), a New York il 7 luglio 2017, dopo anni di intense e faticose negoziazioni, e aperto alla firma in quella stessa città il 20 settembre scorso. Il Simposio si terrà in Vaticano venerdì 10 e sabato 11 novembre e “risponderà alle priorità di Papa Francesco per la Pace e per l’uso dei beni del creato per lo sviluppo e una giusta qualità di vita per tutti, individui e popoli, senza distinzione”, come ha fatto sapere il suo prefetto, il cardinale Peter Turkson.

Il trattato per la proibizione delle armi nucleari, o trattato per la messa al bando delle armi nucleari, è il primo trattato internazionale legalmente vincolante per la completa proibizione delle armi nucleari, rendendole illegali, in un percorso verso la loro completa eliminazione. Dopo l’apertura delle firme del 20 settembre scorso è stato firmato in soli due giorni da ben 53 stati, tre dei quali (Guyana, Santa Sede e Tailandia) l’hanno anche immediatamente ratificato. Infatti, in base all’articolo 15, il trattato entrerà in vigore 90 giorni dopo il deposito del cinquantesimo strumento di ratifica e l’odierno Incontro si situa proprio in questa attesa, che vede la Santa Sede scalpitare in prima fila.

Si tratta di una sfida che, come ha più volte sottolineato Papa Francesco, richiede la “responsabilità morale degli Stati” e una “strategia comune del dialogo”. proprio per questo il Simposio vedrà la partecipazione congiunta di 11 Premi Nobel per la Pace, dei vertici di ONU e NATO, dei Diplomatici rappresentanti degli Stati tra cui Russia, Stati Uniti, Corea del Sud, Iran, nonché dei massimi esperti nel campo degli armamenti ed esponenti delle fondazioni, delle organizzazioni e della società civile da tempo impegnate attivamente sul tema. Saranno altresì presenti, oltre ai rappresentanti delle Conferenze episcopali e delle Chiese, a livello ecumenico e di altre fedi, anche delle delegazioni di docenti e studenti provenienti dalle Università di Stati Uniti, Russia e Unione Europea. Particolarmente significativa sarà poi la testimonianza di Masako Wada, Assistant Secretary General della Nihon Hidankyo, una delle ultime superstiti del bombardamento di Hiroshima, che interverrà in rappresentanza delle vittime delle armi atomiche così come di tutte le vittime degli altri esperimenti nucleari.

 

Abusi sessuali nella Chiesa, Nicolas Betticher scrive a Papa Francesco: serve un tribunale indipendente

16.07.2019

Il vicario giudiziale Nicolas Betticher, responsabile del Tribunale interdiocesano svizzero, esorta papa Francesco e i vescovi a creare tribunali indipendenti all'interno della Chiesa per giudicare - in parallelo alla giustizia civile - i casi di abusi sessuali. È il solo modo di rendersi credibili, afferma in una intervista al Tages-Anzeiger zurighese.

Firmato accordo sullo statuto giuridico della Chiesa in Burkina Faso

12.07.2019

L’intesa, redatta in lingua francese e composta da un preambolo, 19 articoli e un protocollo addizionale, garantisce alla Chiesa la possibilità di svolgere la propria missione in Burkina Faso.

Alla Lateranense prende il via un Ciclo di studi in “Scienze della Pace”

06.07.2019

Due percorsi, uno di laurea triennale e l’altro di laurea magistrale, voluti fortemente da Papa Francesco tanto da spingerlo ad affidarne l’organizzazione al “suo” ateneo del Laterano