Vaticano

Vaticano, arriva il primo notiziario delle “good news”

14.12.2017, 07:00 / redazionecatt

Un notiziario vaticano tutto dedicato alle “good news”, le buone notizie: è l’iniziativa mensile del Dicastero per Laici, Famiglia e Vita sbarcata pochi giorni fa su You Tube in cinque lingue.

«È un piccolo strumento di comunicazione – spiega il prefetto, il cardinale Kevin Farrell in un videomessaggio di benvenuto -. Se troverà accoglienza e simpatia, potrà mettere in movimento un circuito virtuoso di scambio informativo e formativo sulle buone pratiche del popolo di Dio, con una attenzione privilegiata alle famiglie e al complesso tema della vita, dal suo concepimento fino alla morte naturale».

 

«Tutte buone notizie raccolte in un notiziario di voci e immagini», aggiunge il porporato,«non a caso “Good News” è il titolo che abbiamo scelto». Al centro della prima puntata – già disponibile in rete tramite il sito www.laityfamilylife.va – la visita di Papa Francesco ai dipendenti del Dicastero nella sede di Palazzo San Calisto lo scorso 30 ottobre e le attività nei primi due mesi dalla creazione.

 

Nei prossimi numeri il videogiornale racconterà le visite ad limina dei vescovi di tutto il mondo, le novità dalla galassia delle associazioni e dei movimenti, la preparazione ad eventi come l’Incontro mondiale delle Famiglie e la Giornata mondiale della Gioventù di Panama.

VaticanInsider

Guardia Svizzera Pontificia. Un viaggio esplorativo

10.07.2018

Dal 7 all'11 ottobre. Un'occasione per approfondire questa scelta.

Paolo Ruffini

Ruffini: i media devono essere riformati secondo uno spirito di servizio

06.07.2018

Intervista con Paolo Ruffini, nominato ieri da Papa Francesco prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede. "Le riforme sono un camminare insieme che richiede ascolto, inclusione e il coinvolgimento di tutti".

Venerdì 6 luglio il Papa celebra una Messa con i migranti

05.07.2018

A cinque anni dalla storica visita del Pontefice all'isola di Lampedusa dove Francesco celebrò una Messa alla memoria dei migranti morti naufraghi nel Mediterraneo e depose una corona di fiori in mare, il Pontefice celebra in Basilica una Messa alla presenza dei rifugiati.