Vaticano

Vaticano, arriva il primo notiziario delle “good news”

14.12.2017, 07:00 / redazionecatt

Un notiziario vaticano tutto dedicato alle “good news”, le buone notizie: è l’iniziativa mensile del Dicastero per Laici, Famiglia e Vita sbarcata pochi giorni fa su You Tube in cinque lingue.

«È un piccolo strumento di comunicazione – spiega il prefetto, il cardinale Kevin Farrell in un videomessaggio di benvenuto -. Se troverà accoglienza e simpatia, potrà mettere in movimento un circuito virtuoso di scambio informativo e formativo sulle buone pratiche del popolo di Dio, con una attenzione privilegiata alle famiglie e al complesso tema della vita, dal suo concepimento fino alla morte naturale».

«Tutte buone notizie raccolte in un notiziario di voci e immagini», aggiunge il porporato,«non a caso “Good News” è il titolo che abbiamo scelto». Al centro della prima puntata – già disponibile in rete tramite il sito www.laityfamilylife.va – la visita di Papa Francesco ai dipendenti del Dicastero nella sede di Palazzo San Calisto lo scorso 30 ottobre e le attività nei primi due mesi dalla creazione.

Nei prossimi numeri il videogiornale racconterà le visite ad limina dei vescovi di tutto il mondo, le novità dalla galassia delle associazioni e dei movimenti, la preparazione ad eventi come l’Incontro mondiale delle Famiglie e la Giornata mondiale della Gioventù di Panama.

VaticanInsider

Gerusalemme, Erdogan in Vaticano dal Papa il 5 febbraio

17.01.2018

Dopo la decisione di Donald Trump sull’ambasciata statunitense, il presidente turco ha telefonato due volte a Francesco. Il precedente di Celal Bayar con Giovanni XXIII nel 1959.

Putin al Papa: “Continuare la cooperazione costruttiva tra Russia e Vaticano”

03.01.2018

Nel suo messaggio di auguri ha inoltre augurato al Pontefice «salute, felicità e successo nei suoi nobili sforzi».

Santa Sede: rispettare valore universale di Gerusalemme

22.12.2017

La Santa Sede ribadisce che solo uno status garantito a livello internazionale può preservare il carattere unico di Gerusalemme ed essere una garanzia di dialogo e riconciliazione per la pace nella regione.