Papa

TV2000: Papa Francesco riflette sul mistero della morte

05.12.2018, 12:08 / redazionecatt

Papa Francesco ricorda il Diavolo, Eva e invita a riflettere sulla morte. “È un momento non facile – afferma – ma pensare alla morte come fine del cammino è una realtà”. “Durante una vita di peccato – precisa – uno dice di sapere che morirà, ma non ci pensa. È un’ illusione. E così come l’Ave Maria incomincia con la grande verità della salvezza, finisce con la grande verità della condizione umana, frutto del peccato”.

La pace

Nel momento della morte, aggiunge Papa Francesco, “chiederei a Maria di starmi vicina e di darmi pace”. E nel dialogo con don Marco Pozza rivela di aver fatto l’esercizio della ‘buona morte’ che un tempo si praticava all’interno dei seminari proprio per abituarsi alla morte. “Si cominciava a chiedere pietà al Signore – ricorda il Papa – ma c’era proprio la descrizione del momento della morte. Quando incomincia il sudore si dice: ‘Gesù misericordioso abbi pietà di noi’. Era l’usanza di quel tempo, era realistico”.

Continua a leggere la sintesi su VaticanNews.

Francesco al Regina Coeli: "Siamo capaci di amare i nostri nemici?"

19.05.2019

Nella preghiera di domenica mattina, il Papa ha ricordato che Gesù chiede di amarci non tanto con il nostro amore ma con il suo che fa diventare uomini nuovi. Il suo amore infatti rende capaci di perdonare e amare i nemici, crea ponti, insegna nuove vie e fa superare le barriere.

Intervista ai produttori di "Francesco. Un uomo di parola"

17.05.2019

Samanta Gandolfi Branca Lo Monaco gestisce assieme al marito - entrambi risiedenti in Ticino - la Cèlestes Images, una società di produzione cinematografica indipendente. Essi sono i produttori di Francesco. Un uomo di parola, uscito lo scorso anno, e del docufilm del 2015 sulla Guardia Svizzera pontificia L'esercito più piccolo del mondo.

Abusi: Dal Papa nuove norme già applicate in Ticino e in Svizzera

10.05.2019

“Vos estis lux mundi” è il titolo del nuovo Motu Proprio di Francesco che stabilisce nuove procedure per segnalare molestie e violenze, e assicurare che vescovi e superiori religiosi rendano conto del loro operato. Tra le nuove norme, una richiede che ogni diocesi fornisca un sistema facilmente accessibile al pubblico per ricevere le segnalazioni.