Svizzera

Svizzera: Messaggio dei vescovi per la Domenica del malato

01.02.2017, 15:57 / Redazione

La dignità della vita umana non dipende dall’autosufficienza di una persona e non viene meno con la debolezza portata dall’età o dalla malattia, perché tutta la nostra esistenza fa parte del grande disegno che Dio ha scritto per noi. Questo il cuore del messaggio dei vescovi elvetici preparato da mons. Marian Eleganti, vescovo ausiliare di Coira, per la Domenica del malato celebrata dalla Chiesa locale il 5 febbraio.

L’aumento dei suicidi tra gli anziani, risultato delle pressioni della società
Un invito a riflettere su un tema, quello del fine vita, in una prospettiva cristiana contro l’idea oggi sempre più in voga che induce le perone che vivono in una situazione di debolezza a considerarsi come un peso “intollerabile per la società, un costo e un carico emotivo e fisico eccessivo per i familiari”. L’aumento del suicidi tra le persone anziane – evidenzia il messaggio – si deve anche al fatto che “una parte della società sta stabilendo nuovi parametri legali, giustificando e legittimando il suicidio come un tentativo di conservare fino alla fine la propria autonomia e quindi la dignità”.

La vita e la morte secondo la visione cristiana
In realtà, è l’obiezione dei vescovi elvetici, “ogni essere umano ha una dignità, soprattutto quando è debole. Siamo noi, semmai, che gli neghiamo questa dignità e che lo trattiamo di conseguenza”. A questa visione i vescovi contrappongono quella della fede cristiana che considera la morte sempre “come un passaggio e un ritorno alla casa del Padre e vede la vita “come un importante tempo di prova e preparazione al suo compimento in Dio”. Questa visione – conclude il messaggio – consente ai cristiani di avere uno “sguardo fiducioso verso la propria morte”. (A cura di Lisa Zengarini)

(Da Radio Vaticana)

Vitus Huonder

Huonder presenta le dimissioni al Papa / gdp.ch

21.04.2017

Come prevede il Codice di Diritto canonico per il 75esimo anno di età. Fino ad una comunicazione del Pontefice, il vescovo di Coira resterà alla guida della Diocesi.

Nicolao della Flüe, figura che unisce / GdP

03.04.2017

SPECIALE SABATO - Proponiamo dal nostro inserto un estratto dell'intervista al pastore Gottfried Locher sull'evento ecumenico per i 600 anni della nascita del patrono svizzero.

Quando don Primo Mazzolari aiutava gli ebrei a fuggire in Svizzera

15.03.2017

"Merita il titolo di Giusto per ciò che ha fatto e per quanto rappresenta", spiega con voce sicura il novantenne ebreo Oskar Tänzer la cui vita si è intrecciata con quella di don Primo Mazzolari, il parroco di Bozzolo, paesino in provincia di Mantova, per il quale si è aperta da poco la causa di beatificazione.

ticino   migranti   Francesco   siria   pace   madre teresa   giubileo   isis   egitto   giovani   strada regina   guerra   PapaFrancesco   cristiani   Ecumenismo   famiglia   angelus   gmg   islam   misericordia   gdp   chiesa   svizzera   udienza   aleppo   trump   preghiera   SantaMarta   vaticano   Papa   natale