Svizzera

Svizzera: Messaggio dei vescovi per la Domenica del malato

01.02.2017, 15:57 / Redazione

La dignità della vita umana non dipende dall’autosufficienza di una persona e non viene meno con la debolezza portata dall’età o dalla malattia, perché tutta la nostra esistenza fa parte del grande disegno che Dio ha scritto per noi. Questo il cuore del messaggio dei vescovi elvetici preparato da mons. Marian Eleganti, vescovo ausiliare di Coira, per la Domenica del malato celebrata dalla Chiesa locale il 5 febbraio.

L’aumento dei suicidi tra gli anziani, risultato delle pressioni della società
Un invito a riflettere su un tema, quello del fine vita, in una prospettiva cristiana contro l’idea oggi sempre più in voga che induce le perone che vivono in una situazione di debolezza a considerarsi come un peso “intollerabile per la società, un costo e un carico emotivo e fisico eccessivo per i familiari”. L’aumento del suicidi tra le persone anziane – evidenzia il messaggio – si deve anche al fatto che “una parte della società sta stabilendo nuovi parametri legali, giustificando e legittimando il suicidio come un tentativo di conservare fino alla fine la propria autonomia e quindi la dignità”.

La vita e la morte secondo la visione cristiana
In realtà, è l’obiezione dei vescovi elvetici, “ogni essere umano ha una dignità, soprattutto quando è debole. Siamo noi, semmai, che gli neghiamo questa dignità e che lo trattiamo di conseguenza”. A questa visione i vescovi contrappongono quella della fede cristiana che considera la morte sempre “come un passaggio e un ritorno alla casa del Padre e vede la vita “come un importante tempo di prova e preparazione al suo compimento in Dio”. Questa visione – conclude il messaggio – consente ai cristiani di avere uno “sguardo fiducioso verso la propria morte”. (A cura di Lisa Zengarini)

(Da Radio Vaticana)

Nicolao della Flüe in viaggio: l'esperienza itinerante

27.06.2017

Più divertimento. Più benessere. Più di tutto... Il tour elvetico denominato «Nicolao della Flue – In viaggio» vuol proprio contrastare quest’aspirazione. A settembre in Ticino.

Le Chiese del mondo celebrano la Riforma a Berna

18.06.2017

Oltre 700 invitati provenienti dagli ambiti ecclesiali, politici e della società civile celebrano oggi i 500 anni della Riforma in occasione di un culto festivo nazionale.

Appello delle Chiese cristiane e della Comunità ebraica in occasione della Domenica e del Sabbat dei rifugiati del 17/18 giugno 2017

17.06.2017

«Finalmente, abbiamo la soluzione per i rifugiati!» È una promessa allettante. Possiamo essere sconvolti, esausti e anche insensibili nei confronti delle immagini e dei servizi che ogni giorno ci vengono riproposti, in ogni caso non vediamo l’ora di trovare una soluzione per la questione dei rifugiati. Ma una soluzione di che tipo? Di certo la soluzione non sono i muri e le frontiere aperte, non è la neutralizzazione delle bande di passatori e nemmeno un salvataggio esteso dei rifugiati che rischiano il naufragio. Non si intravede neanche minimamente la fine di tutte le cause che costringono alla fuga donne, uomini e bambini.

egitto   strada regina   misericordia   pace   diocesi   islam   angelus   Ecumenismo   giovani   migranti   guerra   svizzera   trump   Francesco   vaticano   gmg   PapaFrancesco   natale   SantaMarta   udienza   siria   isis   preghiera   chiesa   aleppo   giubileo   madre teresa   ticino   gdp   famiglia   Papa