dal Mondo

Russia: Testimoni di Geova banditi. Decisione pericolosa

21.04.2017, 13:40 / Redazione Web

Come si temeva, anche se la stampa occidentale ha sempre ignorato quanto stava per accadere, la Corte Suprema di Mosca, dove i giudici sono tutti controllati dal Cremlino come si è visto in decine di casi di omicidi politici sospetti, dissidenti mandati in gallera e reppressione di ogni tipo, ha deciso il peggio: i Testimoni di Geova sono un “gruppo terrorista” e dunque vengono dichiarati fuorilegge e per di più i loro beni saranno tutti confiscati. Si tratta di una decisione politica del governo di Putin, decisione inaudita e pericolosa di fronte alla quale c’è solo una via, quella della condanna, del rifiuto e del sostegno senza “se” e senza “ma” affinché ai Testimoni vengano restituiti tutto i diritti legali che spettano a una confessione religiosa in un vero stato di diritto dove la legge non dipende dai gusti, simpatie, timori o sospetti del governante di turno.

Nessuna altra confessione religiosa abbia benché il minimo dubbio al riguardo e tutti ricordino che la storia dimostra che spesso si comincia con i piccoli e deboli per poi toccare a tutti, soprattutto se non si è disposto ad essere ossequiosi con il potere.

Secondo l’Ufficio informazione pubblica del gruppo in Italia, “la situazione in Russia chiama in causa non semplicemente una confessione religiosa, ma diritti umani fondamentali. Una legge inizialmente rivolta a combattere il terrorismo si è trasformata in poco tempo in uno strumento assai efficace per combattere – e se possibile annichilire – tutto quello che non è “ortodosso” nella Federazione Russa”. Ora, si aggiunge, “singoli Testimoni di Geova potrebbero essere perseguiti penalmente per il loro impegno nelle loro normali attività religiose, tacciati come “estremisti” e quindi considerati (e trattati) come fossimo terroristi”.

La sede principale dei Testimoni, a Pietroburgo, dovrà essere chiusa insieme con altre 395 associazioni locali. In Russia i Testimoni sarebbero 170mila circa. In tutto il mondo sono 8 milioni.

(Sismografo)

Vescovi messicani: Chiesa sempre al fianco dei migranti

28.04.2017

L’impegno della Chiesa cattolica in Messico per affrontare l'emergenza umanitaria legata al fenomeno delle migrazioni.

Parolin: il Papa non ha mai pensato di rinunciare a viaggio in Egitto

27.04.2017

Sono felice di venire ”come amico, come messaggero di pace e come pellegrino nel Paese che diede rifugio alla Sacra Famiglia”: è quanto ha detto Papa Francesco nel videomessaggio inviato al popolo egiziano alla vigilia del suo diciottesimo viaggio internazionale, che lo porterà al Cairo, in Egitto, il 28 e 29 aprile.

https://www.flickr.com/photospapy06

Io, figlio del genocidio armeno / gdp.ch

26.04.2017

La testimonianza di Rupen Nacaroglu, nato a Lugano da genitori armeni, sul fardello di "un genocidio che i grandi del mondo possono sussurrare ma non urlare".

giubileo   ticino   isis   gdp   migranti   Papa   egitto   natale   Francesco   SantaMarta   udienza   islam   pace   misericordia   gmg   guerra   siria   cristiani   vaticano   chiesa   PapaFrancesco   angelus   giovani   preghiera   madre teresa   Ecumenismo   svizzera   famiglia   trump   strada regina   aleppo