dal Mondo

Russia: Testimoni di Geova banditi. Decisione pericolosa

21.04.2017, 13:40 / Redazione Web

Come si temeva, anche se la stampa occidentale ha sempre ignorato quanto stava per accadere, la Corte Suprema di Mosca, dove i giudici sono tutti controllati dal Cremlino come si è visto in decine di casi di omicidi politici sospetti, dissidenti mandati in gallera e reppressione di ogni tipo, ha deciso il peggio: i Testimoni di Geova sono un “gruppo terrorista” e dunque vengono dichiarati fuorilegge e per di più i loro beni saranno tutti confiscati. Si tratta di una decisione politica del governo di Putin, decisione inaudita e pericolosa di fronte alla quale c’è solo una via, quella della condanna, del rifiuto e del sostegno senza “se” e senza “ma” affinché ai Testimoni vengano restituiti tutto i diritti legali che spettano a una confessione religiosa in un vero stato di diritto dove la legge non dipende dai gusti, simpatie, timori o sospetti del governante di turno.

Nessuna altra confessione religiosa abbia benché il minimo dubbio al riguardo e tutti ricordino che la storia dimostra che spesso si comincia con i piccoli e deboli per poi toccare a tutti, soprattutto se non si è disposto ad essere ossequiosi con il potere.

Secondo l’Ufficio informazione pubblica del gruppo in Italia, “la situazione in Russia chiama in causa non semplicemente una confessione religiosa, ma diritti umani fondamentali. Una legge inizialmente rivolta a combattere il terrorismo si è trasformata in poco tempo in uno strumento assai efficace per combattere – e se possibile annichilire – tutto quello che non è “ortodosso” nella Federazione Russa”. Ora, si aggiunge, “singoli Testimoni di Geova potrebbero essere perseguiti penalmente per il loro impegno nelle loro normali attività religiose, tacciati come “estremisti” e quindi considerati (e trattati) come fossimo terroristi”.

La sede principale dei Testimoni, a Pietroburgo, dovrà essere chiusa insieme con altre 395 associazioni locali. In Russia i Testimoni sarebbero 170mila circa. In tutto il mondo sono 8 milioni.

(Sismografo)

Leader cattolico: la liberazione di Mosul dall’Isis è vicina. Poi la ricostruzione

27.06.2017

Duraid Hikmat Tobiya conferma che restano solo “poche aree” nelle mani dei jihadisti. L’esercito irakeno respinge una controffensiva dei miliziani. Preoccupa la sorte dei civili; oltre 800mila gli sfollati. Per sconfiggere l’estremismo controllare i sermoni e modificare i curriculum scolastici. Da Mosul un appello per la ricostruzione della moschea e del minareto distrutti dallo Stato islamico.

“Aleppo più bella”: cristiani e musulmani ripuliscono la città

27.06.2017

L'iniziativa promossa in collaborazione con il governatorato della città. Dalla pulizia dei marciapiedi al ripristino delle attività. P. Ibrahim: rendere più bella la città simbolo del conflitto siriano è una “sfida” che “unisce” fedeli di tutte le religioni. E una “opportunità” rinnovare “quel meraviglioso mosaico che è la nostra società. Al via anche il centro estivo per 860 bambini.

Somalia: 3.2 milioni di persone necessitano di aiuti alimentari

24.06.2017

Continua l’emergenza umanitaria in Somalia: sono 3,2 milioni le persone che hanno bisogno di aiuti alimentari; il tasso di malnutrizione generale nella regione è del 22%; quella acuta del 5%. “Il tasso di ammissione dei bambini con meno di cinque anni nei nostri programmi di nutrizione e salute è più che raddoppiato rispetto all’inizio dell’anno”: ha dichiarato Aurelie Fèrial, capo delle operazioni regionali di “Azione contro la Fame” dell’Africa orientale.

madre teresa   isis   chiesa   Francesco   gmg   Papa   giovani   diocesi   preghiera   giubileo   pace   strada regina   famiglia   Ecumenismo   siria   islam   ticino   gdp   SantaMarta   trump   vaticano   egitto   natale   misericordia   angelus   udienza   svizzera   migranti   aleppo   guerra   PapaFrancesco