La storia

Ritrovato l'anello di Ponzio Pilato

29.11.2018, 19:57 / redazionecatt

È davvero straordinaria la scoperta di due studiosi israeliani che sono riusciti a decifrare il nome di Pilato, il prefetto romano della Giudea, su un semplice anello di bronzo risalente al I secolo dell’era cristiana. L’oggetto, con migliaia di altri reperti, era stato ritrovato negli scavi condotti tra il 1968 e il 1969, dopo la guerra dei Sei giorni, dove sorgeva l’Herodion, la fortezza costruita nei pressi di Betlemme da Erode il Grande e poi utilizzata dai romani.
A scoprire l’anello fu l’archeologo Gideon Forster in vista dell’apertura ai visitatori del sito. La decifrazione del nome è stata ora resa possibile — scrive Nir Hasson sul quotidiano israeliano «Haaretz» del 29 novembre — dopo che l’iscrizione è stata fotografata con una speciale macchina, come si legge in un articolo pubblicato sull’«Israel Exploration Journal». Shua Amurai-Stark e Malcha Hershkovitz hanno infatti individuato sull’anello l’immagine di una coppa circondata dal nome di Pilato in caratteri greci. «Questo nome era raro in Israele a quei tempi. Non conosco nessun altro Pilato di quel periodo e l’anello mostra che era una persona di rango e benestante» ha osservato Daniel R. Schwartz, della Hebrew University di Gerusalemme. L’oggetto, quasi sicuramente un sigillo, è comunque di fattura semplice, e ciò indurrebbe a pensare che il funzionario romano lo portasse tutti i giorni e non solo in occasione di eventi speciali. L’importanza della scoperta è dovuta al fatto che si tratta della seconda attestazione archeologica del nome del rappresentante imperiale, di cui scrivono i vangeli e lo storico Flavio Giuseppe, dopo la scoperta nel 1961 della celebre iscrizione di Cesarea marittima.

L’Osservatore Romano, 29-30 novembre 2018.

Grest multiculturale a Palermo

L'équipe di Strada Regina dal Ticino a Palermo sulla rotta dei migranti

14.07.2019

I giornalisti di ComEc viaggiamo insieme a un gruppo di giovani della diocesi di Modena impegnati in Sicilia per un campo di formazione sul tema delle migrazioni. Dopo i primi due giorni a Palermo, la prossima tappa sarà Lampedusa. Raccontano: "Quel che colpisce è vedere la “società civile” che si unisce per fare spicchi di bene. Non un bene morale, astratto: un bene concreto e possibile che porta occupazione, dignità e sicurezza".

Elise Lindqvist

La Madre Teresa delle prostitute

04.07.2019

È possibile perdonare? E' stata vittima di violenze. Oggi, migliaia di persone la chiamano l’“Angelo delle prostitute di Malmskillnadsgatan”, una delle strade del centro di Stoccolma; a volte anche la “Madre Teresa delle prostitute”. Questa è la storia di Elise Lindqvist, e del mistero del perdono.

La grazia di vivere due vocazioni: "Marito felice e ora padre di molti"

04.05.2019

Non è una rarità nella Chiesa cattolica, è già accaduto anche in Ticino, ma l’ordinazione di sacerdoti tra padri di famiglia rimasti vedovi, che ad un certo punto della vita si sono sentiti chiamati ad una scelta ulteriore, è sempre una bella testimonianza. Recentemente infatti il vescovo di Coira, mons. Vitus Huonder, ne ha ordinati due per la sua Diocesi.