Svizzera

Ripresa delle celebrazioni: gli orientamenti aggiornati della Conferenza dei Vescovi Svizzeri

In vista della ripresa delle messe pubbliche che sarà giovedì 28 maggio, la Conferenza dei Vescovi Svizzeri (CVS) ha pubblicato un completamento degli orientamenti di sicurezza in cui descrive le misure da adottare nelle chiese prima, durante e dopo le messe in conformità con gli standard di igiene e allontanamento date dal Consiglio Federale. È bene ricordare che nella diocesi di Lugano questi orientamenti sono rivisti alla luce delle indicazioni emanate dal Vescovo Lazzeri.

La regola principale rimane la limitazione del numero di partecipanti che non potranno superare un terzo della capacità della chiesa. In ogni chiesa e per ciascuna celebrazione dovrà essere nominata una persona responsabile dell’applicazione delle disposizioni di sicurezza.

Per quanto riguarda la Comunione, altra grande preoccupazione dei fedeli, la Conferenza Episcopale Svizzera ha precisato che «prima di distribuire la comunione, i sacerdoti e i ministranti dell’Eucaristia si dovranno disinfettare le mani».

Gran parte delle raccomandazioni pubblicate dai Vescovi riguardano essenzialmente l’igiene, la pulizia degli ambienti, la messa a disposizione del gel disinfettante, lo scambio della pace e la ventilazione degli ambienti prima e dopo la celebrazione. Non è richiesta alcuna registrazione dei fedeli che parteciperanno alle Messe.

Le persone a rischio continuano ad essere invitate a rimanere a casa o a partecipare alle messe feriali alla presenza di un numero minore di fedeli.

A questo link è possibile leggere in forma integrale le disposizioni della Conferenza Episcopale Svizzera.

cath.ch/red

26 Maggio 2020 | 15:17
Condividere questo articolo!