Campo profughi in Libano
dal Mondo
Campo profughi in Libano

Profughi, Sant’Egidio: anche Andorra apre i corridoi umanitari

08.05.2018, 13:00 / redazionecatt

Dopo Italia, Francia e Belgio, il modello dei corridoi umanitari, che finora ha permesso l’accoglienza e l’integrazione di 1.500 profughi in fuga dalle guerre, si allarga anche ad Andorra. Domani 8 maggio, nella sede del governo del Principato, verrà firmato – tra i ministri degli Esteri e dell’Interno e la Comunità di Sant’Egidio – un Protocollo di intesa che permetterà l’arrivo di profughi siriani attualmente rifugiati in Libano.

La Comunità sottolinea in una nota che il Principato di Andorra ha approvato, nel marzo scorso, un’apposita legge per permettere l’ingresso nel paese per motivi umanitari. Spagna e Francia collaboreranno con il passaggio dei profughi nei loro aeroporti, così come ha fatto l’Italia per accogliere un gruppo di rifugiati accolti nella Repubblica di San Marino.

 

Il protocollo parla dell’arrivo, per il primo anno, di una ventina di profughi «in condizioni di vulnerabilità». Il Principato si occuperà dell’ospitalità e dei servizi di prima necessità mentre Sant’Egidio provvederà alla formazione di chi curerà la rete di accoglienza e, più in generale, all’integrazione dei profughi nella società locale.

VaticanInsider

In Francia il caso Lambert fa discutere

20.05.2019

All'ospedale Chu di Reims stanno arrestando i supporti vitali di Vincent Lambert, il disabile francese che da oltre un decennio è in stato di minima coscienza. La madre denuncia di aver appreso la notizia "via mail". In un tweet il Pontefice -senza fare espresso riferimento al caso francese- invoca la difesa della vita, in ogni sua fase.

Per Vincent Lambert, l'appello del vescovo di Reims:“non si segua la via dell’eutanasia”

14.05.2019

I medici annunciano che a partire dalla prossima settimana saranno sospese le cure al paziente tetraplegico in stato di coscienza minima. Il vescovo di Reims, mons. Eric de Moulins-Beaufort, chiede una riflessione etica e di mantenere le cure appropriate.

Il Sinodo

La conferenza episcopale messicana torna sul problema dei migranti

10.05.2019

La drammatica realtà dei fatti — al confine meridionale la città di Tapachula, in Chiapas, sta vivendo una vera e propria crisi umanitaria — ha spinto martedì scorso il presidente della Conferenza episcopale, Rogelio Cabrera López, a diffondere un appello alle autorità di quel distretto federale affinché attuino un adeguato piano di emergenza.