Campo profughi in Libano
dal Mondo
Campo profughi in Libano

Profughi, Sant’Egidio: anche Andorra apre i corridoi umanitari

08.05.2018, 13:00 / redazionecatt

Dopo Italia, Francia e Belgio, il modello dei corridoi umanitari, che finora ha permesso l’accoglienza e l’integrazione di 1.500 profughi in fuga dalle guerre, si allarga anche ad Andorra. Domani 8 maggio, nella sede del governo del Principato, verrà firmato – tra i ministri degli Esteri e dell’Interno e la Comunità di Sant’Egidio – un Protocollo di intesa che permetterà l’arrivo di profughi siriani attualmente rifugiati in Libano.

La Comunità sottolinea in una nota che il Principato di Andorra ha approvato, nel marzo scorso, un’apposita legge per permettere l’ingresso nel paese per motivi umanitari. Spagna e Francia collaboreranno con il passaggio dei profughi nei loro aeroporti, così come ha fatto l’Italia per accogliere un gruppo di rifugiati accolti nella Repubblica di San Marino.

 

Il protocollo parla dell’arrivo, per il primo anno, di una ventina di profughi «in condizioni di vulnerabilità». Il Principato si occuperà dell’ospitalità e dei servizi di prima necessità mentre Sant’Egidio provvederà alla formazione di chi curerà la rete di accoglienza e, più in generale, all’integrazione dei profughi nella società locale.

VaticanInsider

L'estate dei ragazzi haitiani gemellati al Ticino

17.07.2019

La Conferenza Missionaria della Svizzera Italiana (CMSI) sostiene attraverso dei padrinati dal Ticino la la scuola Saint Joseph a L’Asile nella circoscrizione di Anse-à-Veau nel dipartimento di Nippes nell'isola caraibica. In questi giorni i ragazzi del luogo possono usufruire di una colonia estiva dove svolgere diverse attività e soprattutto ricevere un pasto sostanzioso. Nel sito catt alcune informazioni per poter sostenere questo progetto.

Australia: la celebrazione della Domenica degli aborigeni

15.07.2019

"Dal caos delle grandi città alla tranquillità delle comunità più remote, cattolici e indigeni si sono seduti fianco a fianco, in segno di unità”. E’ quanto ha dichiarato all’Agenzia Fides il direttivo del National Aboriginal and Torres Strait Islander Catholic Council (Natcicc), il Consiglio dei cattolici australiani in rappresentanza delle popolazioni native, in merito allo svolgimento della giornata loro dedicata, celebrata in tutta la nazione il 7 luglio scorso.

Mons. Azuaje.

La Chiesa venezuelana grata a Papa Francesco

15.07.2019

Per uscire dalla grave crisi, bisogna andare alle elezioni. Così nell'intervista mons. José Luis Azuaje Ayala, presidente della Conferenza episcopale venezuelana, che esprime a nome di tutti i vescovi gratitudine al Papa per la sua vicinanza al Venezuela.