Chiesa

Presto la Chiesa avrà un nuovo Beato martire del nazismo

22.12.2018, 18:12 / redazionecatt

Ieri pomeriggio, 21 dicembre, Papa Francesco ha ricevuto il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, cardinale Angelo Becciu, autorizzando il Dicastero a promulgare i Decreti per un nuovo Beato, Richard Henkes, rinchiuso durante il nazismo nel campo di sterminio di Dachau, in Germania, di cui è stato riconosciuto il martirio “in odium fidei”. Riconosciute anche le virtù eroiche di 11 Servi di Dio.

Richard Henkes, dal pulpito al martirio
Era un sacerdote pallottino, Richard Henkes, ottimo insegnante, ma soprattutto predicatore senza paura. Con l’avvento del nazismo prese a criticare il regime durante le sue omelie, non risparmiando condanne verso lo sterminio, in particolare, delle persone con disabilità. Inviso al Terzo Reich, dunque, fu imprigionato e deportato a Dachau, dove trovò la morte il 22 febbraio 1945 per tifo, dopo aver trascorso molto tempo a soccorrere i malati nel famigerato blocco 17 del campo di concentramento.

Continua a leggere su VaticanNews.

Abusi sessuali nella Chiesa, Nicolas Betticher scrive a Papa Francesco: serve un tribunale indipendente

16.07.2019

Il vicario giudiziale Nicolas Betticher, responsabile del Tribunale interdiocesano svizzero, esorta papa Francesco e i vescovi a creare tribunali indipendenti all'interno della Chiesa per giudicare - in parallelo alla giustizia civile - i casi di abusi sessuali. È il solo modo di rendersi credibili, afferma in una intervista al Tages-Anzeiger zurighese.

Firmato accordo sullo statuto giuridico della Chiesa in Burkina Faso

12.07.2019

L’intesa, redatta in lingua francese e composta da un preambolo, 19 articoli e un protocollo addizionale, garantisce alla Chiesa la possibilità di svolgere la propria missione in Burkina Faso.

Alla Lateranense prende il via un Ciclo di studi in “Scienze della Pace”

06.07.2019

Due percorsi, uno di laurea triennale e l’altro di laurea magistrale, voluti fortemente da Papa Francesco tanto da spingerlo ad affidarne l’organizzazione al “suo” ateneo del Laterano