Indagine

Praticanti in ricerca di identità: ecco la fotografia dei musulmani francesi

23.09.2016, 14:36 / Redazione Web

Chi sono i musulmani di Francia? Un rapporto dell’Institut Montaigne appena pubblicato ha provato a rispondere a una domanda che tormenta non poco cittadini e istituzioni, ancora scossi dagli ultimi attentati.

L’inchiesta mostra – come forse era prevedibile – un Islam a più facce, con uno spettro che va dai musulmani secolarizzati ai fedeli in rotta con la società francese. Secondo un sondaggio dell’Ifop, il 5,6% degli abitanti della metropoli con più di 15 anni si dichiara musulmano, una percentuale che raggiunge il il 10% se si considerano soltanto i ragazzi con meno di 25: un dato che dimostra che se è vero che si parla di una religione ancora molto minoritaria, è altrettanto da considerare il fatto che coinvolge molto i più giovani. Cosa che non si può dire del cristianesimo: i tre quarti dei cittadini con più di 75 anni si dicono cristiani, contro soltanto il 30% di chi ha meno di 30 anni.

Coloro che si definiscono musulmani, poi, provengono in misura maggiore da ambienti popolari e con difficoltà di impiego; il 70% compra e consuma sempre carne halal e il 65% è favorevole al velo (il 24% al niqab) ma soltanto il 37% ritiene che le ragazze dovrebbero indossarlo anche a scuola.

Il rapporto divide i musulmani francese in tre categorie: la prima comprende quelli che si riconoscono nel sistema di valori della Repubblica (46%) e al contempo praticano tranquillamente la propria fede religiosa; la seconda (25%) esprime degli elementi forti perché è contraddistinta da persone che rivendicano la fede musulmana, anche al lavoro e nello spazio pubblico, ma al contempo rifiutano il niqab e si dichiarano laiche. Tuttavia una piccola parte di queste critica il divieto della poligama in Francia. La terza categoria, infine, è quella composta da musulmani considerati “problematici” (28%), che hanno adottato valori opposti a quelli della Repubblica e che vedono nell’Islam una possibilità di «affermarsi ai margini della società». Da sottolineare che i più giovani si dividono fra la prima e la terza categoria. Ultimo dato, non meno significativo: i tre quarti dei musulmani francesi hanno la cittadinanza ma la maggior parte resta strettamente legata al paese d’origine.

Nello Scavo: "Ecco chi perseguita i cristiani nel mondo"

21.03.2017

Nello Scavo, giornalista d’inchiesta per il quotidiano cattolico Avvenire, in questo libro, “Perseguitati”, ci offre un documentatissimo reportage di chi in ogni angolo del mondo viene perseguitato per la sola ragione di pregare il Dio di Gesù Cristo. I dati sono impressionanti: il 75% delle violenze riguarda i cristiani. Quali le ragioni di tanto odio?

Nigeriane schiavizzate e sfruttate sessualmente in tutta Europa

21.10.2016

Il numero di donne nigeriane schiavizzate per essere sfruttate sessualmente è in costante aumento. Le reti criminali non solo si stanno servendo della crisi migratoria per agganciare le persone più vulnerabili, ma che stanno utilizzando i sistemi di asilo e di accoglienza per “piazzare” sul mercato la loro “merce”.

I pellegrini di Medjugorje? Donne, docenti e pensionati

10.06.2016

In uno studio il primo identikit di chi raggiunge il paese dell’Erzegovina. È istruito e svolge professioni di medio o alto rango. Non è attirato da un cattolicesimo cupo con tentazioni millenariste, né al contrario da un sincretismo religioso post-moderno e nemmeno dal miracolismo con retrogusto vagamente magico. Va in pellegrinaggio, ci ritorna volentieri e afferma che la visita in quel luogo gli ha cambiato la vita.

angelus   migranti   fede   Ecumenismo   gmg   aleppo   Francesco   guerra   chiesa   siria   famiglia   udienza   giubileo   trump   madre teresa   gdp   preghiera   giovani   PapaFrancesco   SantaMarta   Papa   misericordia   cristiani   ticino   svizzera   natale   islam   pace   isis   strada regina   vaticano