Svizzera

Pierre de Salis, nuovo Presidente dell'Assemblea dei delegati della Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera

Nella loro seduta del 5 e 6 novembre scorsi, i delegati della Federazione delle Chiese protestanti della Svizzera (SEK) hanno eletto per l’anno 2019-2020 il nuovo Presidente della loro assemblea, il pastore neocastellano Pierre de Salis. Egli dovrà occuparsi anche del Sinodo nazionale delle Chiese riformate in Svizzera, come prevede la nuova costituzione, che deve però essere ancora approvata il 18 dicembre.

«Tra i miei obiettivi c’è quello di dotare il protestantesimo svizzero di maggior visibilità e di sottolineare il suo contributo alla società», ha sottolineato de Salis. «La Chiesa deve essere forza trainante di valori etici e spirituali. Anche il nuovo Sinodo dovrà fare, come organi, di tutto per sostenere le Chiese cantonali».

400’000 franchi per i richiedenti l’asilo

I delegati della Federazione hanno anche deciso, in occasione dell’elezione di de Salis, di contribuire in modo ancora più forte al benessere dei richiedenti l’asilo. Nei prossimi 4 anni, infatti, metteranno a disposizione 420’000 franchi; 70’000 franchi in più rispetto al presente. Questo anche grazie al bilancio positivo approvato durante l’assemblea. Dal 2012 in contributi alla Chiesa riformata dai loro membri si aggirano attorno ai 6 milioni di franchi.

Gottfried Locher: «Viviamo in un’epoca post-etica»

Durante l’Assemblea, ha preso la parola anche il Presidente della Federazione Gottfried Locher: «La questione dell’esistenza di Dio è diventata una cosa rara; viviamo in fatti un mondo post-etico. «C’è una vita senza Dio ma anche senza la domanda di Dio, di qui la necessità della nostra testimonianza».

Kath.ch/red

Zurigo.
8 Novembre 2018 | 12:23
Condividere questo articolo!