Svizzera

Perché è importante poter venerare Nicolao della Flüe e Dorotea Wyss come coppia santa

di Christoph Brüwer su www.katholisch.de / traduzione e adattamento di Katia Guerra

Dal 2016, padre Josef Rosenast è cappellano di San Nicolao a Sachseln e Flüeli-Ranft. Ma non è solo il santo patrono della Svizzera, san Nicolao della Flüe, che lo occupa. Il suo obiettivo: fare in modo che Papa Francesco permetta ufficialmente la venerazione di Nicolao e di sua moglie Dorotea Wyss, insieme, come coppia santa, preferibilmente ancora quest’anno.

Padre Joseph, lei si sta battendo affinché Papa Francesco permetta la venerazione di Nicolao della Flüe e Dorotea Wyss come coppia santa. Perché è così importante?

Lavoro qui a Sachseln e Flüeli-Ranft come cappellano da poco prima del Giubileo alla fine del 2016 e questo è sempre stato un problema. È iniziato già prima, quando l’attenzione era ancora rivolta alla beatificazione o canonizzazione di Dorotea. Ma abbiamo scoperto che questo è impossibile perché non ci sono praticamente documenti che la riguardano, come era normale per le donne in quel periodo. Per me, tuttavia, Nicolao e Dorotea si appartengono a vicenda, sono una santa coppia. Perché senza Dorotea il cammino di Nicolao non sarebbe stato possibile. E mi sembra che questo sia importante anche come testimonianza per nostri giorni.

L’anno della Famiglia proclamato da Papa Francesco è in corso dal 19 marzo. Cosa c’entrano Nicolao e Dorotea Wyss in tutto questo?

Non solo abbiamo l’anno della famiglia, ma anche l’anno di San Giuseppe. Anche questo si adatta meravigliosamente, perché per me è vero che come Giuseppe è legato a Maria, anche Dorotea è legata a Nicolao. Entrambi hanno una vocazione simile e hanno detto sì alla vocazione speciale dei rispetti compagni di vita. Hanno dato testimonianza della vocazione in un matrimonio che consiste nel lasciare andare e anche nel rendere possibile la vocazione l’uno per l’altro. È quindi meraviglioso che la Domenica delle Palme, in occasione dell’apertura della stagione del Museo di Bruder Klaus a Sachseln, l’esposizione speciale «Dorothee Wyss – Die Geschichte einer aussergewöhnlichen Frau» (Dorotea Wyss – Storia di una donna straordinaria»), abbia potuto essere inaugurata. E che Roland Gröbli abbia pubblicato un nuovo libro su di lei.

Dove vede collegamenti con il nostro tempo presente?

 Nel mondo di oggi, dove le unioni e le famiglie sono sempre meno vincolanti, una coppia santa mi sembra enormemente importante come modello. Finora c’è stata solo una coppia canonizzata insieme come coppia sposata: la coppia francese Louis e Zélie Martin, i genitori di Santa Teresa di Lisieux. Per me, una canonizzazione – soprattutto da un punto di vista ecumenico – significa che la persona è un esempio. Dal mio punto di vista, sia nel matrimonio che nel celibato dei sacerdoti e dei religiosi, il discernimento è qualcosa di molto importante. Mi sembra che i giovani, in particolare, abbiano enormi problemi a decidere e preferiscono coprire tutto. Ma sia il matrimonio che il celibato sono un’avventura e incerti. Non posso coprire tutto, ma dico sì alla decisione per ciò che verrà senza sapere cosa sia. La condizione fondamentale per questo, sia nel sacramento del matrimonio che in quello dell’ordinazione sacerdotale, è la fiducia nel sì di Dio. Un altro punto è il sì ripetuto: Dorotea e Nicolao hanno detto sì ancora e ancora – proprio come Giuseppe e Maria – anche quando Nicolao è partito. Non è scappato, come molti dicono, ma è partito dopo un lungo scambio con Dorotea e dopo che lei aveva detto sì, perché anche lei ha riconosciuto la chiamata di Dio.

Lei ha citato questa scena poco fa: Nicolao, dopo 20 anni di matrimonio e 10 figli insieme, ha lasciato la moglie per vivere in solitudine. Non lo vedrei necessariamente come un modello per una relazione di successo. In che modo può essere così?

Ho incontrato persone qui che hanno detto: «Farò come Nicolao, me ne andrò». E poi si è scoperto che avevano dei litigi tra di loro e non potevano più amarsi. Ma questo è qualcosa di totalmente diverso: Nicolao  e Dorotea non si sono lasciati, ma Nicolao è partito perché ha riconosciuto la chiamata di Dio. Dorotea era una donna credente e riconobbe anche questo e quindi alla fine disse di sì. Nicolao non tornò più a casa, ma Dorotea veniva spesso al Ranft con i suoi figli e si prendeva anche cura dei pellegrini che venivano da Nicolao. Quindi il modello non è quello di andarsene, ma di dire sì all’altro e alla propria vocazione e di essere capaci di lasciare andare. Mi piace fare il paragone con i bambini che lasciano la casa dei genitori. Lasciar andare non significa perdere, ma appartenere all’altro in modo nuovo e dirsi sì all’altro. E non dobbiamo dimenticare che Nicolao aveva già consegnato la fattoria al suo figlio maggiore quando è partito. La famiglia non era affatto bisognosa ed è stata accudita.

Lo scorso anno il Segretario di Stato, Pietro Parolin, doveva venire da lei e in quell’occasione intendeva presentargli la sua richiesta. A causa della pandemia di coronavirus, la riunione non ha potuto aver luogo. C’è già una nuova data?

No, non c’è ancora una data alternativa con il cardinale Parolin. Al momento non si sa se verrà ancora. Ma c’è stata un’altra opportunità nel tardo autunno: sono andato Roma con il vescovo e siamo stati miracolosamente ricevuti dal vice capo della Congregazione per le Cause dei Santi, e ho potuto consegnargli i documenti per la canonizzazione di Nicolao e Dorotea come coppia sposata. Già Papa Giovanni Paolo II ha intitolato Dorotea come una donna canonizzata. Il cardinale svizzero Kurt Koch è anche membro della Congregazione delle Cause dei Santi. Ho potuto parlare con lui diverse volte di questo argomento. Gli ho anche detto che siccome il mio nome è Giuseppe, è il mio sogno che ci sia una risposta positiva della Congregazione in questo Anno di San Giuseppe.

Pensa sia probabile?

Questo sogno mi sta a cuore e non ci rinuncerò. Una canonizzazione formale, come è oggi, potrebbe non essere possibile. Ma c’è la possibilità che il Papa approvi la possibilità che Nicolao e Dorotea possano essere venerati come una santa coppia, e lo spero davvero. Ciò si adatterebbe così bene all’anno della famiglia. Quindi sto ancora sperando.

Perché c’è bisogno del permesso del Papa per venerarli come coppia sposata? Come credente, non posso farlo?

Certo che è possibile. Quando ho iniziato qui come cappellano di San Nicolao, ho incontrato anche il nostro nunzio. Quando l’ho salutato, mi ha detto: «Ah, sei tu che vuoi canonizzare Dorotea. Non possiamo farlo a Roma, dovete farlo qui in Svizzera. C’è ancora troppo poca venerazione per Dorotea». Al che io ho risposto: «Ci penso io». E questo viene già fatto: ci sono molte chiese e cappelle dove Nicolao e Dorotea sono già venerati insieme. In Germania, il Landvolkbewegung Bayern ha iniziato una grande raccolta di firme per la beatificazione o canonizzazione di Dorotea. Ma per la venerazione liturgica pubblica come coppia sposata serve l’approvazione del Vaticano. Questo sarebbe già un ulteriore passo.

Quando la gente viene qui al santuario di Sachseln e vede le reliquie di San Nicolao, spesso chiede: «Dove sono le reliquie di Dorotea?». Poiché San Nicolao era considerato un santo vivente durante la sua vita, gli fu data una sepoltura speciale nella chiesa. Ecco perché le ossa esistono ancora oggi. Dorotea, invece, fu semplicemente sepolta nel cimitero vicino alla chiesa. Ecco perché non ci sono resti di cui si sappia. Ma nella chiesa c’è una reliquia di entrambi come coppia sposata, cioè la tunica da eremita di san Nicolao. È stato fatto da Dorotea e indossato da lui. In questo senso, questa veste è una meravigliosa testimonianza del loro sì.

Padre Josef Rosenast, cappellano di San Nicolao e Flüeli-Ranft | © Mad
13 Aprile 2021 | 19:13
Condividere questo articolo!