dal Mondo

Parolin: soluzione in Venezuela è ridare la sovranità al popolo

19.05.2017, 15:22 / Redazione

La situazione in Venezuela sta diventando sempre più drammatica, con le proteste anti-Maduro che non si fermano e la crisi economica che costringe tanti alla fame e a non potersi curare per mancanza di medicine. Ieri, a margine di un convegno a Roma in cui era presente il cardinale Pietro Parolin, i giornalisti hanno chiesto al segretario di Stato se una mediazione della Santa Sede è ancora possibile. Ascoltiamo la risposta del porporato:

“Noi speriamo che ci sia sempre la possibilità perché nel caso se ne aprisse una vorrebbe dire che la situazione in un certo senso è migliore. Quindi non possiamo che esprimere la nostra speranza che questo accada perché quello che sta avvenendo è veramente drammatico e rischia di diventare sempre più drammatico. Però, ho già detto, e qui lo ripeto, che a questo punto la soluzione vera è quella delle elezioni: dare al popolo la possibilità di esprimersi secondo quello che vorrà, ma ridare la sovranità al popolo e permettergli di determinare il suo presente e il suo futuro”.

(Da Radio Vaticana)

Chiesa di Aleppo: la sfida della riconciliazione e del dialogo

22.09.2017

Lentamente, Aleppo si sta risollevando. Nove mesi dopo la sua riunificazione, la grande città siriana del Nord – per quattro anni divisa tra le forze governative e quelle ribelli – tenta come può di riprendere il corso di una vita normale.

INDIA - La “legge anti-conversione” in Jharkhand: fonte di violenza e polarizzazione religiosa

22.09.2017

Le “leggi-anti conversione”, che di fatto sono strumenti per coartare la libertà religiosa, continuano a destare preoccupazione e polarizzare la società indiana: lo racconta all’Agenzia Fides il gesuita p. Michael Kerketta, teologo indiano e docente a Ranchi, capitale dello stato indiano di Jharkhand, nell'India settentrionale.

FILIPPINE - P. Chito, liberato a Marawi: “Il sequestro è stata volontà di Dio”

21.09.2017

“Il mio sequestro è stata volontà di Dio. Una prova che Lui ha voluto. Ho fiducia in Lui. Il mio futuro lo vedo solo a Marawi: cristiani e musulmani siamo fratelli e crediamo nel solo, unico Dio”: lo ha detto p. Teresito Soganub , il prete sequestrato il 23 maggio e rilasciato dopo 117 giorni di prigionia dai terroristi del gruppo “Maute".

trump   misericordia   isis   ticino   guerra   lourdes   Francesco   Papa   svizzera   colombia   udienza   udienzagenerale   giovani   strada regina   preghiera   gdp   egitto   islam   pace   siria   migranti   gmg   angelus   Ecumenismo   aleppo   PapaFrancesco   chiesa   famiglia   vaticano   africa   SantaMarta