Papa

Papa: la nonviolenza sia la nuova via per la pace nel mondo

15.12.2016, 17:00 / Bianca De Viso

La nonviolenza è la strada da seguire nel presente e nel futuro per costruire la pace nel mondo: è quanto ha detto il Papa ricevendo gli ambasciatori non residenti, accreditati presso la Santa Sede, di Burundi, Fiji, Maurizio, Moldavia, Svezia e Tunisia, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali.

Papa Francesco propone ai nuovi ambasciatori il suo Messaggio per la prossima Giornata Mondiale della Pace, pubblicato alcuni giorni fa e che ha per tema «La nonviolenza: stile di una politica per la pace»:

“La nonviolenza è un esempio tipico di valore universale, che trova nel Vangelo di Cristo il suo compimento ma che appartiene anche ad altre nobili e antiche tradizioni spirituali. In un mondo come quello attuale, purtroppo segnato da guerre e da numerosi conflitti, come pure da una violenza diffusa che si manifesta in diverse forme nella convivenza ordinaria, la scelta della nonviolenza come stile di vita diventa sempre più un’esigenza di responsabilità a tutti i livelli, dall’educazione familiare, all’impegno sociale e civile, fino all’attività politica e alle relazioni internazionali”.

Si tratta “in ogni circostanza, – afferma il Papa – di respingere la violenza come metodo di risoluzione dei conflitti e di affrontarli invece sempre mediante il dialogo e la trattativa”:

“In particolare, coloro che ricoprono cariche istituzionali in ambito nazionale o internazionale, sono chiamati ad assumere nella propria coscienza e nell’esercizio delle loro funzioni uno stile non violento, che non è affatto sinonimo di debolezza o di passività, ma, al contrario, presuppone forza d’animo, coraggio e capacità di affrontare le questioni e i conflitti con onestà intellettuale, cercando veramente il bene comune prima e più di ogni interesse di parte sia ideologico, sia economico, sia politico”.

Il Papa ricorda che nel secolo scorso, “funestato da guerre e genocidi di proporzioni inaudite”, ci  sono stati “esempi luminosi” che hanno mostrato “come la nonviolenza, abbracciata con convinzione e praticata con coerenza, possa ottenere importanti risultati anche sul piano sociale e politico”:

“Alcune popolazioni, e anche intere nazioni, grazie all’impegno di leader nonviolenti, hanno conquistato traguardi di libertà e di giustizia in maniera pacifica. Questa è la strada da seguire nel presente e nel futuro. Questa è la via della pace, non quella proclamata a parole ma di fatto negata perseguendo strategie di dominio, supportate da scandalose spese per gli armamenti, mentre tante persone sono prive del necessario per vivere”.

E’ desiderio della Santa Sede – ha concluso il Papa – “portare avanti insieme con i Governi dei vostri Paesi questo processo di promozione della pace, come pure degli altri valori che concorrono allo sviluppo integrale dell’essere umano e della società”.

(Sergio Centofanti/Radio Vaticana)

Francesco ai vescovi del Cile: annunciate la novità di Cristo

21.02.2017

Papa Francesco ha ricevuto i presuli della Conferenza Episcopale del Cile, in visita "ad Limina Apostolorum", guidati dal loro presidente, mons. Santiago Jaime Silva Retamales. Tra i partecipanti, anche il card. Ricardo Ezzati Andrello, arcivescovo di Santiago del Cile.

“Niente vendetta. La preghiera, un antidoto contro le guerre”

20.02.2017

Nella parrocchia di Castelverde, Francesco invita a pregare per «i cattivi» anche se «vorremmo strangolarli». Colloquio con i bambini: «Vi spiego come si diventa Papa», «la malattia, un momento brutto della mia vita». Una benedizione anche ai musulmani.

Papa ai movimenti popolari: ignorare i poveri è truffa morale

18.02.2017

Le ferite sociali causate da un sistema economico disumano e diffuso possono essere curate e guarite con l’atteggiamento del buon samaritano, facendosi “prossimi di chi ha bisogno”.

giovani   gmg   cristiani   famiglia   SantaMarta   giubileo   chiesa   strada regina   guerra   Francesco   natale   udienza   ticino   PapaFrancesco   aleppo   islam   siria   Ecumenismo   fede   vaticano   Papa   pace   migranti   madre teresa   misericordia   preghiera   svizzera   angelus   gdp   isis   vescovo