Chiesa

Papa Francesco riconosce un miracolo attribuito all’intercessione di Guadalupe Ortiz, fedele laica dell’Opus Dei

11.06.2018, 08:15 / redazionecatt

Due giorni fa Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto che approva un miracolo attribuito a Guadalupe Ortiz de Landázuri (1916-1975), membro dell’Opus Dei. Ha anche autorizzato i decreti riguardanti le cause della canonizzazione del beato Nunzio Sulprizio, della venerabile Concepción Cabrera e di Enrique Angelelli e compagni, martiri in Argentina.

Ricevuta la notizia, il prelato dell’Opus Dei, Mons. Fernando Ocáriz, ha commentato: “La vita di Guadalupe ci aiuta a vedere che darsi interamente al Signore, rispondendo con generosità a ciò che Dio ci chiede in ogni momento, ci permette di essere molto felici qui sulla terra e poi in cielo, dove saremo felici per sempre”.

“Chiedo al Signore che l’esempio di Guadalupe ci aiuti ad essere coraggiosi per affrontare con entusiasmo e spirito di iniziativa le piccole e le grandi cose della vita quotidiana, per servire Dio e gli altri con amore e gioia”.

Il miracolo consiste nella guarigione istantanea di Antonio Jesús Sedano Madrid, che nel 2002, a 76 anni, fu affetto da un tumore maligno della pelle vicino all’occhio destro.

Continua a leggere.

Il Collegio Papio.

Il Rettore del Papio a New York per un congresso sulle scuole cattoliche

19.07.2019

Abusi sessuali nella Chiesa, Nicolas Betticher scrive a Papa Francesco: serve un tribunale indipendente

16.07.2019

Il vicario giudiziale Nicolas Betticher, responsabile del Tribunale interdiocesano svizzero, esorta papa Francesco e i vescovi a creare tribunali indipendenti all'interno della Chiesa per giudicare - in parallelo alla giustizia civile - i casi di abusi sessuali. È il solo modo di rendersi credibili, afferma in una intervista al Tages-Anzeiger zurighese.

Firmato accordo sullo statuto giuridico della Chiesa in Burkina Faso

12.07.2019

L’intesa, redatta in lingua francese e composta da un preambolo, 19 articoli e un protocollo addizionale, garantisce alla Chiesa la possibilità di svolgere la propria missione in Burkina Faso.