Papa

Papa Francesco: lo sport è onestà, rispetto e sviluppo

03.12.2018, 10:36 / redazionecatt

Riscrivere lo Sport. E’ questo l’obiettivo dell’associazione “Sport 3.0 Foundation” che ha lanciato la campagna “Sport una lettera alla volta” che, con lo stesso titolo, è divenuta anche un libro (2018, edizione Malcor D’). Nell’arco di due mesi sono stati raccolti, tramite contatti su social media, più di un migliaio di parole, frasi e pensieri che hanno per iniziale le lettere della parola sport, con l’intento di riscrivere il significato della parola. Anche Papa Francesco ha voluto partecipare al progetto dando il proprio contributo scritto, accompagnato da firma autografa. L’originale scritto è un acrostico per formare con le prime lettere di ogni termine scelto, la parola “sport”. Il testo è pubblicato integralmente nel libro. Queste sono le parole scelte dal Pontefice:

1.   Sviluppo umano integrale.
2.   Per tutti.
3.   Onestà.
4.   Rispetto.
5.   Trascendenza e ispirazione.

Continua a leggere su VaticanNews.

Francesco al Regina Coeli: "Siamo capaci di amare i nostri nemici?"

19.05.2019

Nella preghiera di domenica mattina, il Papa ha ricordato che Gesù chiede di amarci non tanto con il nostro amore ma con il suo che fa diventare uomini nuovi. Il suo amore infatti rende capaci di perdonare e amare i nemici, crea ponti, insegna nuove vie e fa superare le barriere.

Intervista ai produttori di "Francesco. Un uomo di parola"

17.05.2019

Samanta Gandolfi Branca Lo Monaco gestisce assieme al marito - entrambi risiedenti in Ticino - la Cèlestes Images, una società di produzione cinematografica indipendente. Essi sono i produttori di Francesco. Un uomo di parola, uscito lo scorso anno, e del docufilm del 2015 sulla Guardia Svizzera pontificia L'esercito più piccolo del mondo.

Abusi: Dal Papa nuove norme già applicate in Ticino e in Svizzera

10.05.2019

“Vos estis lux mundi” è il titolo del nuovo Motu Proprio di Francesco che stabilisce nuove procedure per segnalare molestie e violenze, e assicurare che vescovi e superiori religiosi rendano conto del loro operato. Tra le nuove norme, una richiede che ogni diocesi fornisca un sistema facilmente accessibile al pubblico per ricevere le segnalazioni.