Uno dei loghi della visita del Papa a Ginevra
Svizzera
Uno dei loghi della visita del Papa a Ginevra

Papa a Ginevra: presenti anche cristiani della Corea del Nord

14.06.2018, 06:00 / redazionecatt

Cresce l’attesa per l’imminente visita del 21 giugno prossimo del Papa a Ginevra in occasione del 70esimo del Consiglio Ecumenico delle Chiese (Cec) organismo che riunisce 348 Chiese anglicane, evangeliche, ortodosse e vecchio cattoliche. Sono oltre 400 i giornalisti accreditati presso l’ufficio stampa del Cec per la visita papale.

Un punto alla preparazione è stato fatto martedì a Roma nel corso di un briefing con la stampa in cui sono stati pure ricordati i numerosi filoni di collaborazione tra Santa Sede e Cec (di cui la Chiesa cattolica non è membro) e tracciati l’elenco degli ambiti in cui il lavoro pratico nel campo dell’accoglienza dei rifugiati e migranti, la missione e l’evangelizzazione, il dialogo sulle questioni teologiche, dottrinali ed etiche, la salvaguardia dell’ambiente, la cooperazione interreligiosa, nonché l’educazione e la formazione ecumenica, attraverso l’Istituto ecumenico di Bossey (Ginevra), si concretizzano.

Una nuova stagione ecumenica?

In conferenza stampa si è parlato anche della nuova stagione ecumenica che le Chiese stanno vivendo. Tra i segnali di speranza che vanno in questa direzione sono stati citati corridoi umanitari portati avanti in spirito ecumenico dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia e dalla Comunità di Sant’Egidio. A Roma, sarà dal 12 al 15 settembre ci sarà una conferenza su «Migrazioni, xenofobia e populismi» promossa congiuntamente dal Cec e dal Dicastero vaticano per lo sviluppo umano integrale. Secondo quanto emerso dal briefing centrali saranno il tema della pace e quello delle migrazioni, nell’ottica di una cooperazione comune delle Chiese su questi due fronti caldi.

Da ultimo si è appreso durante il briefing che il Papa incontrerà a Ginevra anche una delegazione di cristiani della Corea del Nord.

(riforma.it/red)

Le nostre libertà e i diritti civili non sono questioni di maggioranza!

13.11.2018

La commissione Justitia et Pax, organo consultivo della Conferenza dei vescovi svizzeri, ritiene che l'niziativa popolare “Il diritto svizzero anziché giudici stranieri (Iniziativa per l’autodeterminazione)” del 25 novembre prossimo, limita la libertà sovrana di tutti.

«Il diritto svizzero anziché giudici stranieri», Sacrificio Quaresimale denuncia: iniziativa contro i diritti umani

10.11.2018

L’iniziativa per l’autodeterminazione, sulla quale il popolo svizzero è chiamato ad esprimersi il prossimo 25 novembre, propone un nuovo modo di affrontare i casi di incompatibilità tra la Costituzione svizzera e i trattati internazionali sottoscritti dalla Svizzera, ma secondo Sacrificio Quaresimale questo minerebbe i diritti umani.

I rappresentanti religiosi firmatari della Dichiarazione.

Charles Morerod: "Il migrante? L'unica cosa che porta con sé è la sua fede"

09.11.2018

Tra i firmatari della dichiarazione congiunta in favore dei migranti, fatta pervenire due giorni fa a Marina Carobbio dai rappresentanti del Consiglio svizzero delle religioni, anche mons. Charles Morerod, Presidente della Conferenza dei Vescovi svizzeri. Ecco il suo commento.