Diocesi

Padre Nostro, in novembre la nuova formulazione

31.01.2018, 07:20 / redazionecatt

Sarà inserita nel nuovo messale in lingua italiana la versione del Padre Nostro che la Conferenza episcopale italiana (CEI) aveva modificato nel 2008. Lo ha reso noto mons. Nunzio Galantino, Segretario generale della CEI, in conferenza stampa a conclusione del Consiglio Episcopale permanente dell’episcopato italiano che si è svolto nei giorni scorsi a Roma. La formula non abbandonarmi alla tentazione (al posto di non indurci in tentazione) è già presente “nella versione della Bibbia della CEI del 2008”, ha ricordato Galatino. Il punto, ha proseguito, “era se trasferire questa traduzione nell’uso liturgico, cioè nel messale, e i Vescovi hanno deciso di rendere l’inclusione obbligatoria”.

Esattamente, sarà in novembre che durante un’Assemblea straordinaria dei Vescovi italiani convocata dallo stesso Consiglio permanente della CEI dal 12 al 14 novembre 2018 è prevista l’approvazione della Terza edizione del Messale romano. “Quando sarà deciso dalla CEI diventerà effettivo a livello liturgico anche per il Ticino, poiché per i libri liturgici la Diocesi di Lugano fa capo alle traduzioni della CEI”, conferma il vicario generale della Diocesi, mons. Nicola Zanini.

(GDP)

La risurrezione, dipinto di Andrea Mantegna, datato 1457-1459 e conservato nel Musée des Beaux-Arts di Tours.

Il vescovo di Lugano a Pasqua: "L'amore del Signore è più forte della morte"

21.04.2019

"Non è possibile proclamare che Cristo è risorto dai morti, senza cominciare noi a risorgere con Lui, senza che in noi sia inaugurato un processo di riorientamento di tutta la nostra persona, dei nostri desideri, dei nostri progetti, dei nostri affetti" ha detto mons. Lazzeri alla Messa di Pasqua in Cattedrale, mentre la sera prima, alla veglia ha affermato che Cristo viene sempre a rivisitarci. La preghiera del vescovo di Lugano per le persone malate e i cristiani che soffrono nel mondo.

Il vescovo Lazzeri alla via Crucis per le vie di Lugano: "Scopriamoci ospitati dalla sua croce"

20.04.2019

Ieri sera da Besso a Santa Maria degli Angioli centinaia di fedeli guidati dal vescovo di Lugano hanno camminato e meditato la via dolorosa di Cristo. Un percorso intenso e prezioso, per i testi presentati (di Anton Čechov, François Mauriac, Luigi Santucci, Mario Luzzi, Olivier Clement), per la lettura di brani di Vangelo riferiti alla Passione e passaggi di Encicliche papali.

Il vescovo di Lugano: "Noi preti siamo chiamati a chinarci sulle ferite della gente"

18.04.2019

Nella Messa crismale con tutti i preti della Diocesi mons. Lazzeri ha benedetto l’olio degli infermi, l’olio dei catecumeni (per il battesimo) e il crisma (per battesimo, cresima, ordinazioni presbiterali e episcopali, consacrazione di chiese ed altari). Ricordati particolari anniversari di ordinazione sacerdotale tra i quali il 60esimo del vescovo emerito Grampa e il 30esimo dello stesso mons. Lazzeri.