Diocesi

Padre Nostro, in novembre la nuova formulazione

31.01.2018, 07:20 / redazionecatt

Sarà inserita nel nuovo messale in lingua italiana la versione del Padre Nostro che la Conferenza episcopale italiana (CEI) aveva modificato nel 2008. Lo ha reso noto mons. Nunzio Galantino, Segretario generale della CEI, in conferenza stampa a conclusione del Consiglio Episcopale permanente dell’episcopato italiano che si è svolto nei giorni scorsi a Roma. La formula non abbandonarmi alla tentazione (al posto di non indurci in tentazione) è già presente “nella versione della Bibbia della CEI del 2008”, ha ricordato Galatino. Il punto, ha proseguito, “era se trasferire questa traduzione nell’uso liturgico, cioè nel messale, e i Vescovi hanno deciso di rendere l’inclusione obbligatoria”.

Esattamente, sarà in novembre che durante un’Assemblea straordinaria dei Vescovi italiani convocata dallo stesso Consiglio permanente della CEI dal 12 al 14 novembre 2018 è prevista l’approvazione della Terza edizione del Messale romano. “Quando sarà deciso dalla CEI diventerà effettivo a livello liturgico anche per il Ticino, poiché per i libri liturgici la Diocesi di Lugano fa capo alle traduzioni della CEI”, conferma il vicario generale della Diocesi, mons. Nicola Zanini.

(GDP)

La cappella della Madonna di Lourdes a Melide è stata una delle prime ad essere presa di mira

Gli atti di vandalismo a cappelle in Ticino: un fenomeno che interroga

12.11.2018

I vandalismi che in questi mesi ha colpito alcuni luoghi di devozione in Ticino feriscono i fedeli, soprattutto vengono colpiti siti legati alla devozione popolare. Lo psicoterapeuta Dante Balbo traccia una tipologia di questi fenomeni, suggerendo ai fedeli di non rinunciare a sostituire le statue distrutte o sparite. L'addetto stampa della Diocesi conferma che la Curia sta monitorando la situazione.

La copertina del numero di Spighe dedicato ai giovani

Con l'Azione Cattolica Ticinese rileggiamo la sana inquietudine del cristiano

12.11.2018

Il mensile dell'Azione Cattolica Ticinese nei suoi due ultimi numeri mette al centro l'appello del papa a non essere cristiani addormentati e rilancia voci e spunti di cristiani e giovani di oggi e di ieri, che non sono rimasti quieti ma hanno preso la fede come caso serio della vita. Nell'ultimo numero guarda al carisma francescano raccontato da volti e storie locali, dalla comunità di Betania in Ticino, la vocazione della ticinese suor Maria Grazia Gianolli.

Il Vescovo Valerio incontra i giovani

11.11.2018

Una catechesi sul Vangelo di Giovanni. Questo il percorso che il Vescovo Valerio Lazzeri ha iniziato a sviluppare sabato 10 novembre con i giovani della diocesi e che proseguirà nei prossimi mesi.