Svizzera

Padre Mauro Jöhri: dal Ticino alla Toscana per un progetto dei frati cappuccini

Raccogliere legna, potare la vigna e nessun pellegrino: la vita di Mauro Jöhri è cambiata da quando si è trasferito dal Ticino in Toscana.

L’ex ministro generale dell’Ordine dei frati minori cappuccini si era ritirato nel monastero della Madonna del Sasso sopra Locarno un anno fa. Lì ha vissuto come un semplice monaco.

Ha incontrato una realtà molto cambiata, ha detto a kath.ch. In questo monastero ha già vissuto trent’anni fa. A quel tempo, molti pellegrini venivano in questo luogo di pellegrinaggio. Salivano i due ripidi sentieri fino al monastero o usavano la funicolare, per raggiungere il santuario.

Oggi, solo pochi pellegrini si recano al monastero con la magnifica vista sul Lago Maggiore, dice Mauro Jöhri. Anche la partecipazione alle Sante Messe è diminuita in modo significativo. I confratelli di Locarno fanno un buon lavoro, sostenuti dei Cappuccini lombardi. Mauro Jöhri ha così deciso di assumere un nuovo compito.

Luogo di silenzio diventa luogo di incontro

L’obiettivo è ora la Fratellanza Internazionale dei Cappuccini. Il nuovo ministro generale dell’Ordine dei frati minori cappuccini, Roberto Genuin, e quindi successore di Mauro Jöhri, ha in mente lo sviluppo dell’Ordine.

Il numero dei frati dell’Ordine è in declino in Europa, osserva Mauro Jöhri. Roberto Genuin vuole quindi creare un luogo dove i cappuccini possano ritirarsi da tutto il mondo.

Il ministro generale ha scelto il monastero di Le Celle vicino alla città di Cortona come luogo di silenzio e di preghiera. È stato fondato nel 1211 da San Francesco d’Assisi.

Il futuro dell’Ordine in un colpo d’occhio

L’Ordine vuole crearvi una rete di fraternità internazionale. Questo dovrebbe consentire all’Ordine di garantire la «presenza dei cappuccini qua e là in vista di un futuro con meno, ma si spera sempre più significative entrate», spiega Mauro Jöhri.

Già quando era ancora a Locarno, ha visto in questa sfida un interessante compito. «Ecco perché ho accettato», dice attraverso la fragile connessione telefonica con la Toscana. Co sì ha lasciato il monastero di Locarnese.

Lì non vede più i compiti per se stesso. «Non ho deciso contro qualcosa, ma per un lavoro per il quale dico: ne vale la pena», spiega.

Progetto che riguarda tutti

Gli è sembrato anche giusto dare un segno all’Ordine e «rendermi disponibile per un progetto che riguarda tutti noi».

Ora vive nell’eremo vicino a Cortona. In tutto sono sette frati. Provengono da Italia, Nigeria, Malta, Slovenia e Svizzera. Il loro compito è quello di ricevere i confratelli e pellegrini provenienti da tutto il mondo.

In attesa di tempi migliori

Il monastero è anche un’importante attrazione per i turisti. Ma non in tempi di Coronavirus. I visitatori sono rimasti fuori. «Viviamo come eremiti», commenta Mauro Jöhri.

«Occupiamo il nostro tempo con lo studio e il lavoro manuale e aspettiamo che arrivino tempi migliori», dice al telefono. L’edificio è «molto semplice e essenziale».

L’atmosfera, tuttavia, invita a una vita solitaria e silenzio.

Lavori nel bosco e nell’orto

Che cosa significa «lavoro manuale» in realtà per un monaco di oggi? I monaci di Celle lavorando molto nel bosco. Il monastero ha uliveti. Gli alberi devono essere potati.

Inoltre, è necessario svolgere una serie di lavori per la cura e la semina dell’orto e del giardino, ci dice Mauro Jöhri alla fine del nostro colloquio .

(Georges Scherrer /kath.ch/red)

Padre Mauro Jöhri | © Hans Merrouche, kath.ch
31 Marzo 2020 | 11:30
Condividere questo articolo!