Diocesi

Opera Diocesana Pellegrinaggi: i primi tre viaggi del 2019

09.11.2018, 06:00 / Laura Quadri

Ricco programma quello dell’Opera Diocesana Pellegrinaggi per il 2019, sia per quanto riguarda le offerte culturali che i pellegrinaggi religiosi. Dopo aver coversato con il suo Direttore don Massimo Braguglia in un precedente contributo, vi presentiamo ora i primi tre viaggi previsti per il nuovo anno.

Si inizia da Lourdes, dove l’ODP si recherà in aereo, per il 161° anniversario della prima apparizione, dal 10 al 12 febbraio 2019. Al centro del pellegrinaggio, dunque, la partecipazione alle celebrazioni per l’anniversario della Prima Apparizione. L’ultimo termine d’iscrizione per questo primo pellegrinaggio è il 14 dicembre 2018.

Al contempo, l’ODP informa che dal 20 febbraio sarà possibile iscriversi al pellegrinaggio di agosto a Lourdes, che quest’anno sarà da domenica 18 agosto a sabato 24 (partendo in bus) e da lunedì 19 a venerdì 23 agosto (patendo in aereo). Dalla stessa data, si potranno inoltre fare le offerte per il Libro d’oro, iniziativa che permette a molti malati di partecipare al pellegrinaggio ad un prezzo ridotto.

Per i versamenti al Libro d’oro, da farsi a partire dal 20 febbraio, bisogna sempre specificare il motivo del versamento e il numero di conto è il seguente: 69-616-3.

La seconda meta proposta invece è Malta, da venerdì 15 a martedì 19 marzo 2019. Al centro del viaggio la visita, con guida, delle località di La Valletta, Mdina, l’isola di Gozo e dei templi preistorici; il quinto giorno è dedicato al rientro.

La Valletta, fondata dai Cavalieri di Malta, custodisce nella Cattedrale di San Giovanni il tesoro dei Cavalieri e quadri del Caravaggio; nell’adiacente chiesa di San Paolo, invece, si trovano alcune preziose reliquie dell’apostolo, di cui si visiterà anche la grotta in cui si crede rimase prigioniero.

Ma durante il viaggio anche tante altre sorprese: dalla visita al santuario di Ta Pinú, alla “Grotta di Calipso” ricollegata al mito di Ulisse, alla “Grotta azzura” di Dwejra, al villaggio di pescatori Marsaxlokk, il cui porto è animato dai “luzzu”, le tipiche barche maltesi coloratissime oppure visita al complesso di Tarxienm, un insieme di tre edifici megalitici di grande importanza archeologica, costruiti tra il 2200 e il 1800 a.C.

L’ultimo termine di iscrizione per questo viaggio è il 10 gennaio 2019.

Come terza meta dell’anno, invece, l’ODP vola in Puglia e Basilicata, visitando Matera, Altamura, Alberobello, Castel del Monte e Bari, da mercoledì 3 a sabato 6 aprile 2019.

Alberobello è cittadina patrimonio dell’UNESCO e capitale dei famosi Trulli, mentre Matera è stata eletta Capitale della Cultura per il 2019. Castel del Monte custodisce invece un famoso castello medioevale a forma ottogonale, anch’esso patrimonio dell’UNESCO e soggetto di molti studi e documentari. La giornata finale è invece dedicata alla degustazione con la visita guidata al borgo Locorotondo, sito in Valle d’Itria, famoso per la produzione del suo vino bianco, cui seguirà pranzo in caseificio del luogo. Iscrizioni in questo caso aperte fino al 1° febbraio 2019.

Tutte le richieste d’iscrizione, rispettando le date, vanno fatte contattando il segretariato ODP al numero 091 922 02 68 o per email scrivendo a odplugano@catt.ch.

(red)

Celebrazione ambrosiana a Biasca, in una foto d'archivio

È iniziato l'Avvento nelle valli ambrosiane della Diocesi di Lugano

19.11.2018

Ieri, 18 novembre, nelle valli di rito ambrosiano è iniziato l'Avvento, tra due settimane sarà la volta delle parrocchie di rito romano. Ma perché c'è questa differenza tra le due comunità? Alcune spiegazioni tornando al VI secolo.

Il bel gruppo di ticinesi durante la visita di Petra

Ticinesi in viaggio con l'Opera diocesana in Terra Santa

18.11.2018

Sono 45 i ticinesi che stanno attraversando la Terra Santa in un percorso organizzato dall'Opera diocesana pellegrinaggi. In questi giorni la comitiva si è recata anche a Petra, uno dei luoghi più affascinanti della Giordania.

La cappella della Madonna di Lourdes a Melide è stata una delle prime ad essere presa di mira

Gli atti di vandalismo a cappelle in Ticino: un fenomeno che interroga

18.11.2018

I vandalismi che in questi mesi hanno colpito alcuni luoghi di devozione in Ticino feriscono i fedeli, soprattutto vengono colpiti siti legati alla devozione popolare. Lo psicoterapeuta Dante Balbo traccia una tipologia di questi fenomeni, suggerendo ai fedeli di non rinunciare a sostituire le statue distrutte o sparite. L'addetto stampa della Diocesi conferma che la Curia sta monitorando la situazione.