Svizzera

Nuovo sito per la Provincia svizzera dei Domenicani

27.12.2018, 15:43 / redazionecatt

Il sito internet dei domenicani della Provincia svizzera si rifà a nuovo. “Internet è il luogo per eccellenza della visibilità. Vogliamo farci trovare da chi ci cerca”, indicano i frati in un comunicato stampa del 26 dicembre. 

In termini di contenuto, il sito propone delle informazioni sulla Provincia e i suoi conventi – a Friborgo, Zurigo e Ginevra – così come delle attualità legate all’Ordine in Svizzera.

Bilingue e accessibile agli indirizzi www.dominicains.ch o www.dominikaner.ch, il nuovo sito persegue un duplice obiettivo: “comunicare meglio le peculiarità della nostra vocazione particolare in seno alla Chiesa” e “intensificare la testimonianza della nostra vita secondo la tradizione di San Domenico”.

cath.ch/red

Il vescovo Markus Büchel durante la funzione a Lucerna. Foto cath.ch

Monsignor Büchel: "La libertà religiosa non è un dono, ma un diritto"

21.01.2019

"Oggi assistiamo alla più grande persecuzione dei cristiani di tutti i tempi", ha sottolineato il vicepresidente della Conferenza dei vescovi svizzeri in una stipata chiesa dei gesuiti a Lucerna, durante una celebrazione in memoria del fondatore di Aiuto alla Chiesa che Soffre. Parlando del Medio Oriente il vescovo ha invitato alla solidarietà nei confronti dei cristiani di quelle terre e di Israele che non godono la stessa parità di diritti degli altri cittadini. Appello alla solidarietà nei loro confronti.

Opera Don Bosco nel Mondo - Cinquant'anni di generosità dal Ticino al mondo

11.01.2019

La Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo è stata fondata il 24 giugno 1965 da don Enrico Morganti, sacerdote salesiano svizzero, per sostenere le Opere Salesiane in Burundi e in particolare la costruzione della scuola di Ngozi.

Il gruppo (quasi completo) di giovani ticinesi in viaggio verso Madrid.

Anche dieci ticinesi all'Incontro europeo di Taizé a Madrid

28.12.2018

Guidati da don Rolando Leo, raggiungeranno venerdì mattina, dopo una notte in bus, la capitale spagnola per partecipare al tradizionale "pèlerinage de confiance", come lo chiamava frère Roger fondatore della Comunità di Taizé; un cammino di fede in mezzo alle culture dei vari popoli, rappresentati da centinaia di giovani provenienti da tutta Europa. Resteranno a Madrid fino al 1. gennaio.