Papa

Nuova Zelanda. Papa: “insensati atti di violenza”, solidarietà a comunità musulmana

15.03.2019, 17:00 / RedCattLQ

Papa Francesco è rimasto “profondamente rattristato” nell’apprendere della ferita e della perdita di vite umane causate dagli “insensati atti di violenza” in due moschee di Christchurch, e in un telegramma a firma del segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, assicura a tutti i neozelandesi, e in particolare alla comunità musulmana, “la sua sentita solidarietà” sull’onda di questi attacchi. “Consapevole degli sforzi del personale di sicurezza e di emergenza in questa difficile situazione”, Francesco prega per la guarigione dei feriti, la consolazione di coloro che soffrono la perdita dei loro cari e per tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia, affidando coloro che sono morti alla misericordia di Dio Onnipotente. Infine, il Papa invoca conforto e forza sulla Nazione.

Ad aprire il fuoco durante la preghiera nella prima moschea di Al Noor, un commando formato da 4 persone, guidato dal ventottenne australiano, Brenton Tarrant, che si definisce come “un normale uomo bianco” e ha detto di voler uccidere “gli stranieri invasori”. Sgomento e paura nel Paese. Di “uno dei giorni più bui della Nuova Zelanda” parla il premier della Nuova Zelanda, Jacinta Arden. Forte la condanna degli attacchi a livello internazionale.

Francesco al Regina Coeli: "Siamo capaci di amare i nostri nemici?"

19.05.2019

Nella preghiera di domenica mattina, il Papa ha ricordato che Gesù chiede di amarci non tanto con il nostro amore ma con il suo che fa diventare uomini nuovi. Il suo amore infatti rende capaci di perdonare e amare i nemici, crea ponti, insegna nuove vie e fa superare le barriere.

Intervista ai produttori di "Francesco. Un uomo di parola"

17.05.2019

Samanta Gandolfi Branca Lo Monaco gestisce assieme al marito - entrambi risiedenti in Ticino - la Cèlestes Images, una società di produzione cinematografica indipendente. Essi sono i produttori di Francesco. Un uomo di parola, uscito lo scorso anno, e del docufilm del 2015 sulla Guardia Svizzera pontificia L'esercito più piccolo del mondo.

Abusi: Dal Papa nuove norme già applicate in Ticino e in Svizzera

10.05.2019

“Vos estis lux mundi” è il titolo del nuovo Motu Proprio di Francesco che stabilisce nuove procedure per segnalare molestie e violenze, e assicurare che vescovi e superiori religiosi rendano conto del loro operato. Tra le nuove norme, una richiede che ogni diocesi fornisca un sistema facilmente accessibile al pubblico per ricevere le segnalazioni.