dal Mondo

Nel 2018 l'aborto prima causa di morte nel mondo

10.01.2019, 11:38 / guggiarisilvia

In questi primi giorni dell’anno nuovo lasciano tramortiti i dati riguardanti l’aborto nel 2018. È notizia certa, infatti, che nell’anno appena concluso la pratica dell’interruzione di gravidanza sia stata la prima causa di morte al mondo. Il rapporto annuale parla di ben 41,9 milioni di bambini uccisi prima di nascere, nel grembo materno. Una cifra enorme se si pensa, per fare un paragone, che le persone morte di cancro nel 2018 sono state 8,2 milioni, ovvero un quinto del totale dei bambini abortiti nello stesso periodo.
Questi dati allarmanti vengono da Worldometers, indicato come uno dei migliori siti di riferimento gratuito dalla American Library Association (ALA), portale che mantiene anche il registro dei principali dati statistici mondiali. Per quanto riguarda gli aborti, le statistiche impiegate si basano sulle informazioni pubblicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), una delle entità che hanno militato maggiormente a favore dell’aborto nel corso della storia.
Nel 2018 è stato dunque interrotto ben il 23 per cento (poco meno di un quarto) delle gravidanze a livello globale: per ogni 33 bimbi nati vivi dieci sono stati abortititi. E il numero delle “vittime” del diritto alla libertà procreativa supera nell’anno appena concluso tutti i decessi per tumore, malattia, Hiv, fumo, alcol e incidenti stradali sommati insieme.
In una società in cui si lotta sempre più per il diritto alla genitorialità nelle sue forme più varie, superando i limiti che la natura sembrava averci impostato, l’aborto rimane una pratica ancora troppo diffusa ed abusata, capriccio di una umanità che pretende di avere il controllo anche della vita nel grembo materno.

Agenzie/red

Chiesa Eritrea: digiuno e preghiera per la chiusura degli ospedali cattolici

25.06.2019

Un invito al digiuno e alla preghiera. É quello contenuto in una lettera indirizzata a tutti i fedeli della Chiesa cattolica dell’Eritrea dall’arcivescovo di Asmara, Abune Mengesteab Tesfamariam. “I problemi che stiamo affrontando – afferma - devono fortificarci, più che indebolirci”.

Nasce il nuovo pellegrinaggio europeo “Romea Strata”

25.06.2019

Si tratta di un cammino europeo che dal Baltico arriva a Roma, attraversando Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Italia. Il progetto è stato ideato da don Raimondo Sinibaldi, direttore della Fondazione Homo Viator San Teobaldo.

Unicef: in aumento i bambini e i giovani migranti registrati in Messico

25.06.2019

“Circa 15.500 bambini e giovani migranti sono stati registrati dalle autorità messicane per la migrazione nei primi quattro mesi dell'anno, 130 al giorno, secondo le ultime stime dell'Istituto Nazionale per le Migrazioni. Questa cifra rappresenta un aumento di oltre il 50% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso”, lo dichiara Henrietta Fore, Direttore generale dell'Unicef.