Internazionale

Morto Amos Oz, scrittore israeliano più tradotto al mondo

Amos Oz è stato uno degli intellettuali più influenti degli ultimi decenni. Considerato la voce critica d’Israele, le sue prime pubblicazioni risalgono al 1961. Nel ’67, con un articolo in cui afferma che «anche un’occupazione inevitabile è un’occupazione corrotta», è tra i primi a dichiarare pubblicamente il suo sostegno per la «soluzione dei due Stati» nel conflitto israelo-palestinese. Critico severo di Hamas, nel 2010 firma un pezzo pubblicato dal New York Times, in cui definisce il Movimento islamico in questi termini:

” Hamas non è solo un’organizzazione terroristica. Hamas è un’idea, un’idea disperata e fanatica che nasce dalla desolazione e dalla frustrazione di molti palestinesi. Nessuna idea è mai stata sconfitta con la forza…Per sconfiggere un’idea, bisogna offrire un’idea migliore, più attraente e accettabile «

Continua a leggere su VaticanNews.

28 Dicembre 2018 | 21:23
Condividere questo articolo!