Singapore: incontro leader cristiani e taoisti presso la cattedrale del Buon Pastore
dal Mondo
Singapore: incontro leader cristiani e taoisti presso la cattedrale del Buon Pastore

Mons. Machado: Crisi dell’etica a livello mondiale, servono risposte dalle religioni

13.11.2018, 11:40 / RedCattFA

Leader cristiani e taoisti asiatici e europei si sono incontrati a Singapore per dialogare sulla “dimensione etica” nei rispettivi credo religiosi. Ad AsiaNews mons. Felix Machado, presidente dell’Ufficio per l’ecumenismo e gli affari interreligiosi della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Oeia-Fabc), ribadisce la necessità che “la religione risponda alla crisi [dell’etica] attuale”. Per l’arcivescovo di Vasai, l’incontro è servito anche “imparare molto sulla ricca tradizione del taoismo e sulla situazione della religione in Cina”.

L’incontro, dal titolo “Etica cristiana e taoista in dialogo”, era sponsorizzato dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, dall’arcidiocesi di Singapore e dalla Federazione taoista di Singapore. L’evento si è svolto dal 5 al 7 novembre presso la cattedrale del Buon Pastore. Ai lavori hanno preso parte 60 partecipanti (30 cristiani e 30 taoisti) provenienti da Cina continentale, Francia, Svizzera, Malaysia, Taiwan e Corea del Sud.

Mons. Machado riporta che “sono stati affrontati vari temi: crisi dell’etica e speranza per il domani; risposte cristiana e taoista alla crisi dell’etica; istituzioni sociali e trasformazione della persona umana; sviluppo spirituale e coltivazione di sé; etica globale e interdipendenza degli esseri umani”.

Secondo l’arcivescovo, i lavori della conferenza sono stati caratterizzati da “un clima cordiale e amichevole” che ha consentito “di conoscere l’essenza di entrambe le tradizioni religiose”. Al termine dei lavori, conclude, è stata ribadita “la necessità di collaborare insieme in futuro; abbiamo riconosciuto che l’attuale crisi etica richiede una riscoperta dei valori universali basati su giustizia sociale, ecologia integrale, dignità della vita umana in ogni stadio e circostanza; affermiamo che nessuno può sfuggire alla responsabilità morale di trasformare le ingiuste strutture socio-economiche, politiche, culturali, religiose e legali”.

(Asia News)

Il presidente delle Filippine

Il presidente delle Filippine insulta duramente i vescovi locali

10.12.2018

Hanno suscitato preoccupazione ma anche indignazione nelle Filippine e nel mondo, soprattutto tra le organizzazioni che cooperano dall'estero con la Chiesa nelle Filippine, le assurde ed infondate dichiarazioni del presidente Duterte contro i vescovi del Paese. Secondo la fonte di Asianews, Duterte ha definito i vescovi "inutili" ed ha invitato i fedeli ad "ucciderli". L'episcopato filippino che accusa Duterte di violazione di diritti umani non ha voluto replicare alle ennesime violente illazioni del Capo di Stato.

A 70 anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo c’è ancora molto da fare

10.12.2018

Papa Francesco: “È opportuno non solo celebrare la memoria di quello storico evento, ma anche impostare una riflessione approfondita sulla sua attuazione e sullo sviluppo della visione dei diritti umani nel mondo odierno”

Al Azhar

A due anni dal viaggio del Papa in Egitto i frutti del dialogo

06.12.2018

Due anni fa Francesco compiva un passo ulteriore nel delicato dialogo con al-Azhar, la più grande università musulmana al mondo. L'agenziasir ha incontrato fr. Jean Druel, direttore Al Cairo dell'Istituto domenicano di studi orientali.