La Messa al Palexpo (fonte cath.ch)
Svizzera
La Messa al Palexpo (fonte cath.ch)

Messa del Papa a Ginevra: coperti quasi tutti i costi

19.12.2018, 18:06 / redazionecatt

Dei due milioni di franchi che è costata la Santa Messa del Papa al Palexpo di Ginevra, lo scorso 21 giugno, rimangono da raccogliere ancora solo 60.000 franchi.
La Messa del Papa al Palexpo è costata 1.98 milioni di franchi alla diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo (LGF). “Il 44% per la sicurezza e la gestione dei flussi di pellegrini, il 39% per le infrastrutture – incluso il noleggio della grande sala, le sedie e il pagamento del personale in loco – e il 14% per la strumentazione audiotelevisiva”, ha spiegato Jean -Battista Henry de Diesbach, economo della diocesi di LGF in un comunicato reso noto ieri. Il resto dei costi riguardano “i vari”, come la liturgia, che richiedeva l’acquisto di patene, casule e elementi decorativi. “Abbiamo beneficiato della generosità di alcuni fornitori”, ha aggiunto l’economo. Altrimenti, il conto finale sarebbe stato più alto. ”
Per finanziare questa Messa, i cui costi corrispondono alle spese annuali della diocesi di LGF, le corporazioni e le federazioni cattoliche cantonali, sollecitate dalla Conferenza cattolica centro-romana della Svizzera, hanno versato 300.000 franchi.
“Abbiamo ricevuto circa 850.000 franchi in donazioni individuali”, ha spiegato Jean-Baptiste Henry de Diesbach. 2.500 donatori hanno pagato somme che vanno da 5 a 50.000 franchi. Il 35% delle entrate proviene da Ginevra. Va detto che, a differenza di altri cantoni, la Chiesa di Ginevra vive principalmente di donazioni. E alcuni dei suoi donatori hanno devoluto offerte per finanziare la Messa del 21 giugno”. Oltre a tutto questo altri 450mila franchi provengono da collette parrocchiali e 300 mila da comunità e istituzioni religiose.

Questa celebrazione di Francesco non chiuderà con un deficit importante come invece avvenne nel 2004 per la Santa Messa presieduta da San Giovanni Paolo II a Berna. Per la Messa del Papa a Ginevra, a questo punto, restano ancora da raccogliere 60 mila franchi.

fonte: cath.ch/red

Caritas Svizzera prende posizione sul programma svizzero di cooperazione allo sviluppo dei prossimi anni

24.06.2019

È di oggi la presa di posizione di Caritas Svizzera sul messaggio passato in consultazione al Consiglio federale riguardante gli aiuti allo sviluppo per il triennio 2021-2024.

Nel 2018, 675'000 mila franchi dalla Chiesa svizzera alle vittime di abusi

22.06.2019

675’500 franchi: è questa la cifra versata dalla Chiesa cattolica in Svizzera, tramite la Conferenza dei Vescovi Svizzeri, nel 2018 ad alcune vittime di abusi sessuali. Una somma ripartita entro 47 domande di risarcimento. Le richieste sono pervenute tramite le diverse Commisioni diocesane incaricate di accompagnare le vittime di abusi sessuali e tramite il CECAR, l'organo d'ascolto istituito dalla stessa CVS.

Monsignor Felix Gmür, Presidente dei vescovi svizzeri e vescovo di Basilea

"Matrimonio per tutti": la riflessione prudente dei vescovi svizzeri

17.06.2019

L'episcopato elvetico ha diffuso un comunicato stampa sul progetto del Consiglio nazionale che è in consultazione fino al 21 giugno 2019. I vescovi svizzeri, pur non esprimendosi né a favore né contro, mettono in guardia sulle conseguenze di fronte alla possibile autorizzazione per la riproduzione medicalmente assistita.