La Messa al Palexpo (fonte cath.ch)
Svizzera
La Messa al Palexpo (fonte cath.ch)

Messa del Papa a Ginevra: coperti quasi tutti i costi

19.12.2018, 18:06 / redazionecatt

Dei due milioni di franchi che è costata la Santa Messa del Papa al Palexpo di Ginevra, lo scorso 21 giugno, rimangono da raccogliere ancora solo 60.000 franchi.
La Messa del Papa al Palexpo è costata 1.98 milioni di franchi alla diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo (LGF). “Il 44% per la sicurezza e la gestione dei flussi di pellegrini, il 39% per le infrastrutture – incluso il noleggio della grande sala, le sedie e il pagamento del personale in loco – e il 14% per la strumentazione audiotelevisiva”, ha spiegato Jean -Battista Henry de Diesbach, economo della diocesi di LGF in un comunicato reso noto ieri. Il resto dei costi riguardano “i vari”, come la liturgia, che richiedeva l’acquisto di patene, casule e elementi decorativi. “Abbiamo beneficiato della generosità di alcuni fornitori”, ha aggiunto l’economo. Altrimenti, il conto finale sarebbe stato più alto. ”
Per finanziare questa Messa, i cui costi corrispondono alle spese annuali della diocesi di LGF, le corporazioni e le federazioni cattoliche cantonali, sollecitate dalla Conferenza cattolica centro-romana della Svizzera, hanno versato 300.000 franchi.
“Abbiamo ricevuto circa 850.000 franchi in donazioni individuali”, ha spiegato Jean-Baptiste Henry de Diesbach. 2.500 donatori hanno pagato somme che vanno da 5 a 50.000 franchi. Il 35% delle entrate proviene da Ginevra. Va detto che, a differenza di altri cantoni, la Chiesa di Ginevra vive principalmente di donazioni. E alcuni dei suoi donatori hanno devoluto offerte per finanziare la Messa del 21 giugno”. Oltre a tutto questo altri 450mila franchi provengono da collette parrocchiali e 300 mila da comunità e istituzioni religiose.

Questa celebrazione di Francesco non chiuderà con un deficit importante come invece avvenne nel 2004 per la Santa Messa presieduta da San Giovanni Paolo II a Berna. Per la Messa del Papa a Ginevra, a questo punto, restano ancora da raccogliere 60 mila franchi.

fonte: cath.ch/red

Il vescovo Markus Büchel durante la funzione a Lucerna. Foto cath.ch

Monsignor Büchel: "La libertà religiosa non è un dono, ma un diritto"

21.01.2019

"Oggi assistiamo alla più grande persecuzione dei cristiani di tutti i tempi", ha sottolineato il vicepresidente della Conferenza dei vescovi svizzeri in una stipata chiesa dei gesuiti a Lucerna, durante una celebrazione in memoria del fondatore di Aiuto alla Chiesa che Soffre. Parlando del Medio Oriente il vescovo ha invitato alla solidarietà nei confronti dei cristiani di quelle terre e di Israele che non godono la stessa parità di diritti degli altri cittadini. Appello alla solidarietà nei loro confronti.

Opera Don Bosco nel Mondo - Cinquant'anni di generosità dal Ticino al mondo

11.01.2019

La Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo è stata fondata il 24 giugno 1965 da don Enrico Morganti, sacerdote salesiano svizzero, per sostenere le Opere Salesiane in Burundi e in particolare la costruzione della scuola di Ngozi.

Il gruppo (quasi completo) di giovani ticinesi in viaggio verso Madrid.

Anche dieci ticinesi all'Incontro europeo di Taizé a Madrid

28.12.2018

Guidati da don Rolando Leo, raggiungeranno venerdì mattina, dopo una notte in bus, la capitale spagnola per partecipare al tradizionale "pèlerinage de confiance", come lo chiamava frère Roger fondatore della Comunità di Taizé; un cammino di fede in mezzo alle culture dei vari popoli, rappresentati da centinaia di giovani provenienti da tutta Europa. Resteranno a Madrid fino al 1. gennaio.