La Madonna di Lourdes
Diocesi
La Madonna di Lourdes

Lunedì prossimo iniziative di preghiera per gli ammalati in tutto il Ticino

08.02.2019, 16:00 / RedCattLQ

Lunedì 11 febbraio si terrà in alcune chiese della Diocesi di Lugano una giornata di preghiera per la prima apparizione della Madonna di Lourdes, accompagnati dagli assistenti dell’Ospitalità Diocesana Ticinese «Nostra Signora di Lourdes».

Per garantire una più ampia partecipazione sono stati organizzati i seguenti ritrovi per questo momento di preghiera, animati dagli assistenti dell’Ospitalità:

Nel Mendrisiotto il ritrovo sarà presso la Chiesa Parrocchiale di S. Vittore a Balerna, con la celebrazione della S. Messa alle ore 09.00 e la recita del Rosario meditato alle 09.30.

Nel Luganese il ritrovo sarà presso la Chiesa di Cristo Risorto a Lugano, con la recita del Rosario mediato alle ore 09.00

Nel Locarnese il ritrovo sarà presso la Chiesa Nuova (via Cittadella) a Locarno, con la celebrazione della S. Messa alle ore 09.00 e la recita del Rosario meditato alle ore 09.30

Nel Bellinzonese il ritrovo sarà preso la Chiesa di San Giovanni a Bellinzona, con la recita del Rosario meditato alle ore 14.30 seguito dalla celebrazione della S. Messa e dall’unzione dei malati.

In Leventina e nella Val di Blenio il ritrovo sarà sabato 9 febbraio presso la Chiesa Parrocchiale di Quinto a partire dalle ore 09.30 e presso la Chiesa di Sant’Antonio a Malvaglia dalle ore 14.15.

La giornata si concluderà con una celebrazione eucaristica comunitaria alle ore 20.15 presso la chiesa di S. Martino a Bironico. Per seguire le attività dell’Ospitalità si invita a consultare il loro sito web.

Accanto a questi momenti con l’Ospitalità diocesana, la Parrocchia di Lugano, in occasione della ricorrenza della Madonna di Lourdes, propone due ulteriori momenti di preghiera rivolti alla comunità:

Domenica 10 febbraio, nella Cattedrale di S. Lorenzo, ci sarà la recita del Rosario a partire dalle ore 14.30 e, a seguire, il Sacramento dell’unzione degli ammalati presieduto da don Sergio Carettoni, cappellano della Clinica Moncucco di Lugano.

Lunedì 11 febbraio, invece, nella Chiesa di S. Antonio (piazza Dante) in Lugano saranno celebrate quattro S. Messe (7.30 – 9.00 – 11.00 – 18.00) e sarà proposta la recita comunitaria del Rosario in tre diversi momenti: alle 8.30, alle 10.30 e alle 17.30. In particolare, l’appuntamento tardo-pomeridiano è rivolto alle famiglie e ai bambini

La risurrezione, dipinto di Andrea Mantegna, datato 1457-1459 e conservato nel Musée des Beaux-Arts di Tours.

Il vescovo di Lugano a Pasqua: "L'amore del Signore è più forte della morte"

21.04.2019

"Non è possibile proclamare che Cristo è risorto dai morti, senza cominciare noi a risorgere con Lui, senza che in noi sia inaugurato un processo di riorientamento di tutta la nostra persona, dei nostri desideri, dei nostri progetti, dei nostri affetti" ha detto mons. Lazzeri alla Messa di Pasqua in Cattedrale, mentre la sera prima, alla veglia ha affermato che Cristo viene sempre a rivisitarci. La preghiera del vescovo di Lugano per le persone malate e i cristiani che soffrono nel mondo.

Il vescovo Lazzeri alla via Crucis per le vie di Lugano: "Scopriamoci ospitati dalla sua croce"

20.04.2019

Ieri sera da Besso a Santa Maria degli Angioli centinaia di fedeli guidati dal vescovo di Lugano hanno camminato e meditato la via dolorosa di Cristo. Un percorso intenso e prezioso, per i testi presentati (di Anton Čechov, François Mauriac, Luigi Santucci, Mario Luzzi, Olivier Clement), per la lettura di brani di Vangelo riferiti alla Passione e passaggi di Encicliche papali.

Il vescovo di Lugano: "Noi preti siamo chiamati a chinarci sulle ferite della gente"

18.04.2019

Nella Messa crismale con tutti i preti della Diocesi mons. Lazzeri ha benedetto l’olio degli infermi, l’olio dei catecumeni (per il battesimo) e il crisma (per battesimo, cresima, ordinazioni presbiterali e episcopali, consacrazione di chiese ed altari). Ricordati particolari anniversari di ordinazione sacerdotale tra i quali il 60esimo del vescovo emerito Grampa e il 30esimo dello stesso mons. Lazzeri.