dal Mondo

L’impegno della Chiesa per disabili e orfani. Un’oasi per i bambini del Kazakhstan

05.12.2018, 06:45 / RedCattFA

«Guardando le nostre ragazze più grandi che insegnano ai piccoli da poco arrivati al Villaggio dell’Arca, capita di pensare: quanto più bello sarebbe, se al posto di questa ragazza, ci fosse la vera madre di quel bambino. Ma questa è la loro storia e noi siamo entrati nella loro vita proprio per donare ai piccoli una presenza affettuosa e un accompagnamento nella crescita»: è la testimonianza di un operatore dell’associazione “Arca”, guidata dal missionario don Guido Trezzani, che gestisce la comunità del “Villaggio dell’Arca” a Talgar, nei pressi di Almaty, la seconda città più grande del Kazakhstan, dopo la capitale Astana.

La struttura accoglie bambini disabili, orfani o con difficoltà familiari ed è stata fondata il 1° giugno del 2000. Il villaggio, si legge in una nota dell’associazione diffusa dall’agenzia Fides, «ha visto in questi 18 anni tanti bambini e ragazzi crescere e iniziare la propria vita adulta, oppure trascorrere solo un breve periodo, che comunque ha concesso alla loro famiglia la possibilità di superare momenti difficili. Nell’anniversario di fondazione, non si è organizzata nessuna particolare celebrazione ma, «come ogni anno — ricorda la nota — si è vissuta la gioia di condividere questo momento con tanti amici, tra i molti che fanno parte della nostra storia».

Nel corso degli ultimi mesi, i bambini del villaggio di Talgar hanno potuto usufruire di cure odontoiatriche, grazie a una coppia di medici italiani che periodicamente svolge la propria opera di volontariato presso la struttura. Dal 2007 nel villaggio sono stati realizzati, all’interno del centro medico, l’ambulatorio odontoiatrico e radiologico, oltre a quello per la fisioterapia e riabilitazione. Attualmente, il villaggio ospita una settantina di bambini, orfani o con famiglie a rischio alle spalle, e circa una trentina di disabili fisici e mentali. I primi passi sono stati mossi nel 1997, con l’accoglienza dei bambini di un orfanotrofio statale in via di chiusura. Oggi, vengono ospitati anche ragazzi provenienti da famiglie distrutte dalla violenza o dall’alcolismo.

La Chiesa cattolica in Kazakhstan conta attualmente quattro diocesi, per un totale di settanta parrocchie. I sacerdoti presenti nella nazione sono novantuno, tra i quali sessantuno diocesani e trenta religiosi. Secondo i dati ufficiali forniti dal ministero degli esteri kazako, degli oltre diciassette milioni di abitanti del paese, circa il 26 per cento è costituito da cristiani, e l’1 per cento di questi è di fede cattolica. «Questa è la bellezza dell’essere piccoli — ha sottolineato monsignor Josè Louis Mumbiela Serra, vescovo della diocesi della Santissima Trinità in Almaty — siamo pochi, non abbiamo grandi programmi pastorali, facciamo quel che possiamo e che la Provvidenza ci concede».

(Osservatore Romano)

Sri Lanka: la commemorazione delle vittime a un mese dagli attacchi

23.05.2019

Tutto il Paese si è fermato in ricordo dei 257 morti. La testimonianza dei sopravvissuti, dei parenti e degli amici che faticano a superare il dolore per la perdita dei propri cari.

Uccisi un sacerdote congolese in Monzambico e pure una suora in Centroafrica

21.05.2019

Si tratta di padre Landry Ibil Ikwel, 34 anni, membro della Congregazione Sacri Cuori di Gesù e Maria, direttore dell'Istituto per persone non vedenti di Beira, e di suor Inés Nieves Sancho, comunità delle Figlie di Gesù, che insegnava cucito alle ragazze nel villaggio di Nola.

In Francia il caso Lambert fa discutere

20.05.2019

Il magistrato ordina la ripresa dei trattamenti dopo che all'ospedale Chu di Reims erano stati arrestati i supporti vitali di Vincent Lambert, il disabile francese che da oltre un decennio è in stato di minima coscienza. Si attende la decisione dell'Onu. In un tweet il Pontefice -senza fare espresso riferimento al caso francese- invoca la difesa della vita, in ogni sua fase.