Ticino

«Laudato si'»: l'allarme per il mondo è urgente

Vi sono motivi validi alla base dell’appello del Papa a «cambiare il modello di sviluppo globale riflettendo sul senso dell’economia e sulla sua finalità» («Laudato si’», 194): i nostri modelli economici non tengono in alcun conto le risorse disponibili. Gestiamo le attività al di là dei nostri mezzi, come se avessimo non uno ma diversi pianeti a disposizione. Tolleriamo un livello di disuguaglianza tale per cui una dozzina di persone dispongono di un capitale pari a quello della metà povera della popolazione mondiale. Una disuguaglianza che permette a una minoranza di rivendicare per sé l’atmosfera e la natura come risorse, a scapito della maggioranza. «Il ritmo di consumo, di spreco e di alterazione dell’ambiente ha superato le possibilità del pianeta, in maniera tale che lo stile di vita attuale, essendo insostenibile, può sfociare solamente in catastrofi» («Laudato si’», 161). Nonostante i progressi compiuti nel dibattito pubblico, le emissioni di CO2 continuano ad aumentare nel mondo, il consumo di energia e il traffico non fanno che crescere, neutralizzando così gli effetti positivi che otteniamo grazie al ricorso alle energie rinnovabili. Bergoglio si interroga sul futuro delle prossime generazioni: «Che tipo di mondo vogliamo lasciare a quelli che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo?». La «Laudato si’» è e rimane una sfida per la Chiesa e la politica. Laddove l’impegno per la giustizia e la pace ha già portato molte contraddizioni e pareri discordanti (all’interno e all’esterno della Chiesa), si può presumere che l’impegno per «una nuova comprensione dello sviluppo», per un cambiamento di sistema, continuerà ad essere una sfida. Si tratta di ascoltare «il grido della terra e dei poveri» e di trarne le risposte («LS» 139). L’appello alle parrocchie e alle istituzioni ecclesiastiche è di prendere l’iniziativa per un cambiamento di paradigma che comporta una conversione individuale a un nuovo stile di vita, una conversione collettiva a una cultura in cui ci consideriamo parte della creazione rispettando la madre Terra e una conversione politico-economica nel senso di un cambiamento sistemico per il bene comune.

Helena Jeppesen, responsabile cooperazioni in Svizzera, Sacrificio Quaresimale

Le prime iniziative in Ticino e nel mondo

Per ora sono due le iniziative ticinesi legate alla celebrazione dei 5 anni dalla pubblicazione dell’enciclica «Laudato si’» di Papa Francesco. «Dialoghi» (www.dialoghi.ch) dedica il suo nuovo numero al tema, con contributi di Simone Morandini, Ernesto Borghi e Daria Lepori, mentre l’Unione femminile cattolica ticinese (UFCT) organizza 5 pomeriggi di riflessione aperti a tutti, a partire dal 6 luglio, presso l’Istituto Sant’Angelo, a Castel San Pietro, dalle 13.30 fino alle 18 (iscrizioni chiamando lo 079 272 81 84). A livello internazionale, invece, sono state pubblicate giovedì dal «Tavolo interdicasteriale della Santa Sede sull’ecologia integrale» le linee guida dal titolo «In cammino per la cura della casa comune», mentre dall’1 settembre al 4 ottobre prossimi è prevista in tutto il mondo «La Stagione della Creazione». Sono considerati parte di questo anno della «Laudato si’» anche il Patto educativo globale del 15 ottobre, così come l’incontro «Economy of Francesco» del 21 novembre, nonché, nell’anno venturo, la Terza Tavola Rotonda Vaticana che si terrà al World Economic Forum di Davos dal 26 al 29 gennaio 2021. Un raduno dei leader religiosi mondiali avrà luogo anche in occasione della «Giornata Mondiale dell’Acqua», il 22 marzo 2021. Dal 20 al 22 maggio 2021, infine, ci sarà una speciale conferenza sull’anniversario, che includerà anche un musical, dei premi dedicati alla «Laudato si’», il lancio dei progetti speciali della «Laudato si’ Platform», un documentario, una iniziativa sugli alberi e l’iniziativa della «Plastic Bank», associazione che si impegna in favore di mari puliti. Il dicastero vaticano per lo Sviluppo umano integrale presenterà 7 modi per misurare l’ecologia integrale, i cosiddetti «Obiettivi della Laudato si’». Maggiori informazioni sul sito ufficiale del Vaticano: www.humandevelopment. va.

L'Enciclica Laudato Si' di Francesco.
21 Giugno 2020 | 13:23
Condividere questo articolo!