Internazionale

La Sindone: nuovi studi indagano questo infinito mistero

Esposta l’ultima volta il Sabato Santo di quest’anno nel duomo di Torino, in occasione di una Pasqua segnata dal Covid-19, la Sindone continua ad attirare fedeli, preghiere e indagini scientifiche. «Davanti alla Sindone, contemplando quel corpo, quel sangue, quel Volto, possiamo sentire il conforto grande di questa certezza: più forte è l’amore», ha scritto in occasione dell’ultima ostensione del telo, Emanuela Marinelli, una dei maggiori esperti e studiosi di sindonologia. In questi giorni esce un libro da lei curato e in parte scritto, pubblicato dalla casa editrice Ares, dal titolo «Nuova luce sulla Sindone«, testo che si propone di presentare un aggiornamento approfondito sugli studi compiuti fino a oggi, offrendo gli argomenti necessari, prima di tutto, per stabilire una coincidenza fra il Lenzuolo conservato a Torino e il Sacro Lino che ha avvolto il corpo di Gesù nel sepolcro di Gerusalemme.

Questo «oggetto» studiato in tutti i modi possibili, preso di mira da detrattori e impostori, venerato, si pone sempre come straordinaria presenza che non è possibile ignorare, che sempre riporta davanti a noi le antiche domande: quel telo ha davvero avvolto il corpo di Gesù? Com’è arrivato fino a noi, nonostante vicissitudini continue, minacce di distruzione, tentativi di furto? E se davvero quel telo reca impresse le tracce di una Morte e Risurrezione, come si può ignorarlo e far finta che Dio non esista?

Forse è per questo che si continua a pretendere di fare prove per definirne, una volta per tutte, la non autenticità. Una delle ultime sortite, in questo senso, è quella dello storico dell’arte Tomaso Montanari, che ha definito la Sindone un dipinto, e neanche molto abilmente eseguito. La stessa Marinelli, ha smontato, pezzo per pezzo, questa teoria che, tra l’altro, non rappresenta certo una novità, ma risale a quarant’anni fa, quando la sostenne un chimico statunitense, Walter C. McCrone, sulla rivista scientifica The Microscope Journal.

Nel libro appena arrivato nelle librerie le prime duecento pagine danno conto delle più importanti indagini storico-scientifiche compiute fino a oggi sulla reliquia, avvalendosi del contributo di altri sette esperti: Alfonso Caccese, Andrea Di Genua, Michele Filippi, Bartolomeo Pirone, Ivan Polverari, Laura Provera, Domenico Repice . Nella sezione conclusiva, sono proposte le profonde riflessioni dell’indimenticato Orazio Petrosillo, vaticanista e saggista di valore, che aprono alla contemplazione dell’Uomo della Sindone.

Si potrà quindi compiere un vero  e proprio viaggio spirituale e insieme storico, attraverso luoghi e secoli, seguendo le tracce del Sacro Lenzuolo, dal suo trasporto da Edessa, oggi Urfa in Turchia, collegato alla figura di Giuda Taddeo, l’apostolo cugino di Gesù.  Si scoprono i tanti riferimenti riportate da fonti arabe, musulmane, fino a Costantinopoli, dove il telo viene «svelato», poi i secoli di misteri  devozioni, lungo tutto il Medioevo, e poi fino ai tempi moderni, con gli studi portati avanti grazie alle più sofisticate tecnologie, fino agli esperimenti condotti dai fisici dell’ENEA di Frascati, sul fatto che il corpo ha lasciato nel lenzuolo una misteriosa impronta spiegabile, indicano appunto questi studi, ammettendo un’emissione fortissima di luce.

E la luce continua ad effondersi dalla Sindone, una luce che ha attraversato i secoli, come oggi attraversa i nostri cuori, afflitti e pesanti, ma pronti a risollevarsi verso quel Volto straziato dal dolore ma pieno di forza proveniente da una vita vera, eterna, immersa nell’amore.

acistampa/red

Nuova luce sulla Sindone. Storia Scienza Spiritualità, edizioni Ares, a cura di Emanuela Marinelli, pp.312, euro 19

Il volto sulla Sacra Sindone
20 Giugno 2020 | 06:34
Condividere questo articolo!