Chiesa

La Santa Sede all’Osce: i diritti umani universali e inalienabili, mai violarli

13.09.2017, 12:00 / redazionecatt

«Universali, inalienabili, inviolabili»: così il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa descrive i diritti umani. Lo ha ricordato monsignor Janusz S. Urbanczyk, rappresentante permanente della Santa Sede, intervenendo ieri all’apertura dell’Incontro sulla dimensione umana dell’Osce (l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa), in corso a Varsavia fino al 22 settembre.

«I diritti umani sono universali poiché si applicano a tutti gli esseri umani senza eccezione di tempo, luogo o soggetto», ha evidenziato Urbanczyk nel suo discorso riportato dalla Radio Vaticana. «Sono inviolabili in quanto inerenti alla persona umana e espressioni della dignità umana. Tali diritti sono inalienabili in quanto nessuno – chiunque esso sia – può legittimamente privare gli altri di tali diritti, in quanto ciò sarebbe in contraddizione con la loro stessa natura».

Il delegato vaticano ha ricordato come, più volte, la Santa Sede abbia espresso preoccupazione per la rimozione di questi diritti dal loro contesto; per la limitazione del campo di applicazione e per la negazione della loro universalità in nome di differenti prospettive culturali, politiche e sociali. Un simile atteggiamento, come quello che considera i diritti umani e le libertà fondamentali privilegi concessi da uno Stato, revocabili quando si ritiene opportuno, arrecano un danno duraturo all’idea stessa dei diritti umani e certamente ne ostacolano il godimento da parte degli uomini.

In proposito il presule ha richiamato le parole di Papa Francesco nel suo primo Messaggio per la Giornata mondiale della Pace, quando afferma: «In molte parti del mondo, sembra non esserci fine ai gravi crimini contro i diritti umani fondamentali». La Santa Sede crede, dunque, che per portare frutto i diritti umani debbano non solo essere proclamati a parole ma essere messi in pratica, e considera l’Incontro sulla dimensione umana un elemento importante della struttura dell’Osce che si trova pertanto in una posizione ideale per promuovere la causa dei diritti umani, la loro tutela tanto necessaria e la correzione dei reati contro di essi.

Vatican Insider

Nell’anniversario delle relazioni diplomatiche tra il Messico e la Santa Sede - Una faticosa riconciliazione

22.09.2017

In pochi luoghi del mondo come nel Messico la relazione tra le autorità civili e la Chiesa cattolica ha contribuito, nel bene e nel male, a forgiare la storia e l’identità nazionale.

Santa Sede: si tutelino i diritti dei popoli indigeni

22.09.2017

Rispettare i diritti e le culture dei popoli indigeni: questo, in sintesi, l’appello lanciato il 20 settembre dall’Arcivescovo Ivan Jurkovič, Osservatore permanente della Santa Sede presso l’Onu a Ginevra. Il presule è intervenuto nell’ambito della 36.ma sessione del Consiglio dei Diritti umani dedicata, nello specifico, alle popolazioni indigene.

Per il disarmo e la pace - Firma e ratifica da parte della Santa Sede del trattato sulla proibizione delle armi nucleari

22.09.2017

Il 20 settembre scorso, presso il palazzo delle Nazioni Unite a New York, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati, ha firmato per la Santa Sede, anche a nome e per conto dello Stato della Città del Vaticano, il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, adottato il 7 luglio 2017 al termine della conferenza delle Nazioni Unite finalizzata a negoziare uno strumento giuridicamente vincolante per proibire le armi nucleari.

migranti   Papa   Ecumenismo   PapaFrancesco   preghiera   vaticano   chiesa   gdp   angelus   lourdes   misericordia   pace   aleppo   egitto   colombia   strada regina   gmg   SantaMarta   guerra   trump   udienzagenerale   udienza   siria   svizzera   ticino   africa   Francesco   islam   giovani   isis   famiglia