Ticino

La musica di Luigi Picchi risuonerà sabato nella Cattedrale di Lugano

Fede, musica, bellezza. Con queste parole ci si dedicherà, sabato 23 novembre alle ore 20.30 nella Cattedrale di S. Lorenzo in Lugano, all’ascolto di alcune pagine corali e organistiche di Luigi Picchi (1899-1970), grazie alla felice collaborazione delle Diocesi di Como e Lugano, nel ricordo del compositore a cinquant’anni dalla scomparsa. Esempio infaticabile di dedizione al compito di compositore, docente, organista e direttore di coro, oltre che nella Cattedrale di Como, nei seminari di Como e di Lugano, ha offerto a numerosi allievi e futuri presbiteri la propria competenza e la propria passione. È quindi un’occasione felice quella che si presenterà: riascoltare alcune composizioni corali scritte negli anni preconciliari, e spesso dedicate dall’autore a preti luganesi (il «Panis angelicus» per don Eugenio Corecco, il «Venite ad me omnes» a mons. Aurelio Gabelli, rettore del seminario di Lugano…) e soprattutto la messa «Rex pacificus», in questa vigilia della solennità di Cristo Re, dedicata al Vescovo di Lugano Angelo Jelmini nel 1946. Le pagine organistiche, scritte per il grande organo della Cattedrale di Como, ben si adattano allo strumento della Cattedrale di Lugano, e ci daranno un esempio di notevole tecnica compositiva, grande cantabilità e modernità di stile.

Il concerto proposto fa parte di una serie di appuntamenti per ricordare il maestro Luigi Picchi, a 50 anni dalla sua scomparsa.

Leggi anche: https://www.catt.ch/newsi/le-iniziative-della-diocesi-di-lugano-e-la-diocesi-di-como-per-il-50esimo-della-morte-di-luigi-picchi/

L'organo della Cattedrale di Lugano
20 Novembre 2019 | 16:40
Condividere questo articolo!