La storia

La grazia di vivere due vocazioni: "Marito felice e ora padre di molti"

04.05.2019, 11:32 / RedCattLQ

Non è una rarità nella Chiesa cattolica, è già accaduto anche in Ticino, ma l’ordinazione di sacerdoti tra padri di famiglia rimasti vedovi, che ad un certo punto della vita si sono sentiti chiamati ad una scelta ulteriore, è sempre una bella testimonianza. Recentemente infatti il vescovo di Coira, mons. Vitus Huonder, ne ha ordinati due per la sua Diocesi.

A 62 anni di età, Andreas Pfister-Brägger è padre di tre figli di 26, 23 e 19. Già diacono permanente dopo la morte della moglie avvenuta nel 2017 ha sentito la chiamata a diventare sacerdote. Da settembre eserciterà il suo ministero sacerdotale a Küssnacht am Rigi.

Martin Scheibli, 52 anni, è padre di una figlia di 28 anni e di un figlio di 27 anni; è rimasto vedovo nel 2011. Consulente aziendale in una grande banca ha poi avvertito la chiamata. I suoi studi in teologia li ha compiuti a Coira e Lugano. Attualmente sta seguendo una formazione pastorale in una parrocchia a Wetzikon nel Canton Zurigo. Molto legato al Ticino ha recentemente celebrato una S. Messa al Centro pastorale S. Giuseppe di Lugano occasione gradita per salutare molti amici del Seminario diocesano e della Facoltà di teologia di Lugano. «Mi sono sposato nel 1988. I 23 anni di matrimonio mi hanno regalato tanta felicità. La nascita dei nostri figli sono stati momenti indimenticabili», ci confida don Martin. «Il dolore per la perdita di mia moglie è difficile da descrivere. La fede mi ha aiutato a capire che tutto è nelle mani del Signore, tutto il nostro vivere e anche la morte. A volte i progetti del Signore sono misteriosi ma dobbiamo accoglierli. Per me il sacerdozio è come una seconda vita. Ho ricevuto la grazia del Signore di ricevere due vocazioni. Il matrimonio e dopo il sacerdozio. Sono stato felice come marito e adesso sono felice come sacerdote ».

Don Martin come ha scoperto la vocazione sacerdotale? «Durante un ritiro spirituale ho avvertito forte questa chiamata, poi è seguito un periodo di discernimento e di formazione. Due anni nel seminario di Coira e tre anni in quello di Lugano. Questo periodo nel Canton Ticino è stato bello ed importante. Ho incontrato la Chiesa “italiana” dentro un contesto internazionale. Alla Facoltà di teologia di Lugano sono presenti più di 30 nazionalità diverse. Un arricchimento culturale e di fede incredibile. Ho così imparato anche la lingua italiana molto utile nella Chiesa Cattolica».

Quali emozioni ha sperimentato durante la prima S. Messa? «Celebrare con i miei confratelli nel ministero sacerdotale e con tutta la mia famiglia e la parrocchia mi ha molto toccato. Il sacerdozio è anche «frutto» della mia «prima» vita ed era evidente in me che Dio mi ha donato la grazia di non lasciarmi cadere. Adesso dono la mia vita e tutta la mia esperienza ai fedeli come alter Christus. Che gioia!»

Secondo lei i preti cattolici dovrebbero avere la possibilità di sposarsi? «Posso parlare solamente di me. La vocazione sacerdotale è un dono grandissimo e chiede il dono totale di sé al Signore. Sono felice di essere disponibile a Dio con tutto me stesso. Il celibato è un valore per la Chiesa perché è molto di più di avere più di tempo a disposizione per i fedeli. È un modo di vivere. Francamente non sarei in grado di vivere le due vocazioni insieme. Una vocazione farebbe soffrire l’altra».

Federico Anzini

I ragazzi di cui Roberto Aita, missionario laico, si prende cura a Medellin, in Colombia.

La testimonianza di Roberto Aita. La guarigione passa dall'incontro con una Persona, non con una dottrina

19.04.2019

Roberto Aita, missionario laico assieme alla moglie Loira, entrambi di Biella ma ora residenti a Stabio e fondatori dell’associazione GERmission (www.germission.org), portano la loro testimonianza nella parrocchia di Besso.

La testimonianza di Lavinia Sommaruga Bodeo

06.04.2019

Lavinia Sommaruga Bodeo è cresciuta in varie città dell’Europa. Itinerante sui treni e nell’anima, ha sviluppato l’interesse per quegli incontri unici che l’hanno portata ad appassionarsi alle persone. L’educazione umanitaria ha inciso nel suo impegno per la pari dignità e la giustizia sociale. È coordinatrice per la politica di sviluppo di «Alliance Sud».

Denise Carniel.

La diversità? Una risorsa, parola di Denise Carniel

22.03.2019

Sedersi ad un tavolo e condividere: un gesto antico, che ritorna in tante culture. Nelle società nomadi ancora oggi ci si siede attorno a un tavolo e si mangia prima di prendere decisioni importanti. Ispirata dal fascino che questo gesto emana, anche Denise Carniel, presidente di All4All Ticino, ha deciso di organizzare due serate incentrate attorno alla tematica del cibo e…della diversità. Da anni, infatti, Denise porta avanti un messaggio cruciale: la diversità è ciò che ci rende unici. Due incontri il 4 e 5 aprile.