Personaggi

La fede di un innocente condannato al carcere

14.06.2018, 06:05 / redazionecatt

Ha fatto scalpore la notizia dell’incontro avvenuto ieri, a margine dell’udienza in piazza San Pietro, tra papa Francesco e Tomasz Komenda, un quarantunenne polacco condannato nel 2000, a causa di qualcuno che aveva sporto una falsa testimonianza al carcere. Una prigionia che si è conclusa 18 anni dopo quando i giudici della corte suprema, riaprendo il processo, hanno accertato la sua innocenza. All’epoca della falsa accusa Tomasz aveva 23 anni e venne condannato per violenza ed omicidio di una ragazza polacca di appena 15 anni.

Il carcere -come a raccontato Tomasz ieri all’Osservatore romano- è stata «un’esperienza particolarmente dura, anche per il trattamento che viene riservato a quanti sono accusati di delitti così gravi e di abusi contro i minori». Eppure, confida, non solo non ha perso la fede ma proprio la preghiera e l’unione con Gesù lo hanno letteralmente salvato.

E così il suo primo atto «da uomo libero» è stato venire a Roma in pellegrinaggio. In cella non ha mai perso la speranza di poter pregare, un giorno, davanti alla tomba di san Giovanni Paolo II. Di più, «l’abbraccio e le parole di Papa Francesco — confida — mi danno quel coraggio di rimettermi in gioco e fare di quei diciott’anni d’inferno un motivo di riscatto».

(agenzie/red)

Dalla contemplazione a scelte sostenibili/GdP.ch

25.02.2018

IL PERSONAGGIO - Suor Cécile Renouard delle religiose dell’Assunzione e le proposte di Sacrificio Quaresimale.

"Il sorriso dei poveri mi ha insegnato tutto"/GdP.ch

24.12.2017

Facciamo due chiacchiere con suor Maria degli Angeli Albertini, originaria di Sementina, ma da 33 anni in Madagascar come missionaria.

Antonio Rosmini (wikipedia)

Rosmini: dalla condanna alla beatificazione/GdP.ch

19.11.2017

IL PERSONAGGIO - Oggi, 10 anni fa, il filosofo e teologo italiano (Rovereto 1797 – Stresa 1855) saliva agli altari.