Personaggi

La fede di un innocente condannato al carcere

14.06.2018, 06:05 / redazionecatt

Ha fatto scalpore la notizia dell’incontro avvenuto ieri, a margine dell’udienza in piazza San Pietro, tra papa Francesco e Tomasz Komenda, un quarantunenne polacco condannato nel 2000, a causa di qualcuno che aveva sporto una falsa testimonianza al carcere. Una prigionia che si è conclusa 18 anni dopo quando i giudici della corte suprema, riaprendo il processo, hanno accertato la sua innocenza. All’epoca della falsa accusa Tomasz aveva 23 anni e venne condannato per violenza ed omicidio di una ragazza polacca di appena 15 anni.

Il carcere -come a raccontato Tomasz ieri all’Osservatore romano- è stata «un’esperienza particolarmente dura, anche per il trattamento che viene riservato a quanti sono accusati di delitti così gravi e di abusi contro i minori». Eppure, confida, non solo non ha perso la fede ma proprio la preghiera e l’unione con Gesù lo hanno letteralmente salvato.

E così il suo primo atto «da uomo libero» è stato venire a Roma in pellegrinaggio. In cella non ha mai perso la speranza di poter pregare, un giorno, davanti alla tomba di san Giovanni Paolo II. Di più, «l’abbraccio e le parole di Papa Francesco — confida — mi danno quel coraggio di rimettermi in gioco e fare di quei diciott’anni d’inferno un motivo di riscatto».

(agenzie/red)

sr. Ruth Pfau (1926-2017)

Suor Ruth Pfau, la "madre" dei lebbrosi del Pakistan

03.09.2018

Ad un anno dalla morte della dottoressa e religiosa tedesca che ha dedicato la vita alla lotta contro la lebbra, il ricordo dell'autorità religiose e civili del Pakistan è stato grande. Il ritratto di una suora che ha fondato decine di centri di cure in Asia.

L'Enciclica Laudato Si' di Francesco.

Cinque "martiri" secondo la Laudato Si'

03.09.2018

In occasione della Giornata mondiale del creato scopriamo grazie ai colleghi di Mondo e Missione le storie di 5 persone uccise nel 2017 per avere quello sguardo attento a tenere insieme l'uomo e il creato come auspica l'Enciclica del 2015.

Edith Stein

Edith Stein: dal web un pensiero della Santa del giorno

09.08.2018

Oggi la Chiesa ricorda la santa compatrona d'Europa, Edith Stein - suor Teresa Benedetta della Croce. Nata a Breslavia nel 1891 in una famiglia di origine ebrea, dopo un periodo di ateismo abbracciò la fede cattolica. Professoressa di filosofia divenne suora carmelitana. Fu vittima della persecuzione nazista e morì nel campo di sterminio di Auschwitz nel 1942.