Svizzera

La diocesi di Basilea saluta il vescovo Theurillat, «volto amico di Dio»

Il pensionamento di Mons. Denis Theurillat, Vescovo ausiliare ed emerito di Basilea, è stato salutato durante i Vespri solenni nella Cattedrale dei Santi Urs e Victor a Soletta il 15 agosto 2021. La celebrazione, originariamente prevista per la fine di giugno, non ha potuto aver luogo a causa di restrizioni sanitarie.

«Ogni cosa ha il suo tempo. Per ogni evento sotto il cielo c’è un tempo stabilito (Qohelet 3:1)», ha scritto mons. Denis Theurillat, vescovo ausiliario di Basilea, in una recente lettera di addio.

«Il simbolo del Vespro si adatta perfettamente a questa situazione: il giorno sta lentamente volgendo al termine. Ma è ancora giorno, non è ancora finita», ha aggiunto.

Il giorno dell’addio è arrivato. Il vescovo Felix Gmür e più di 170 persone hanno celebrato i vespri solenni con il vescovo del Giura nella cattedrale dei Santi Urs e Victor a Soletta. Questo era il desiderio del vescovo Denis Theurillat.

Osare il Vangelo

Durante questi vespri, il vescovo ausiliare di Basilea ha ripercorso la sua vita di vescovo ausiliare. In particolare, ha vissuto molte cresime nella diocesi. La domanda veniva spesso dai giovani: Che cos’è un buon cristiano? Ho ricevuto spesso delle belle risposte», ricorda il vescovo Theurillat.

I giovani in generale erano molto importanti per lui, come hanno sentito le persone presenti in cattedrale. Il giurassiano ha partecipato a quattro Giornate mondiali della gioventù con giovani svizzeri: a Toronto (2002), Colonia (2005), Sydney (2008) e Rio de Janeiro (2012).

Denis Theurillat ha ricordato all’assemblea il suo motto di vescovo: «Osare il Vangelo». Questo motto ha plasmato la sua vita di vescovo ausiliare. «Il messaggio di Gesù era eccitante, ma a volte anche molto impegnativo», ha detto.

Per 21 anni è stato vescovo ausiliare nella diocesi di Basilea, cosa che ha apprezzato. Mons. Theurillat ha parlato di un’intensa collaborazione con gli operatori pastorali e i colleghi vescovi. A proposito dell’incontro con i fedeli, «ho sempre cercato di avvicinarmi alla gente, sia in questa cattedrale, che mi piace, sia naturalmente in tutta la diocesi». Ha detto che ha sempre voluto «portare speranza ovunque si trovasse».

Portatore della simpatia di Dio

Il vescovo Felix Gmür si è rivolto al vescovo emerito alla fine della celebrazione. Il vescovo Theurillat ha ascoltato attentamente il discorso del suo confratello e si è commosso più volte. Non è stata una coincidenza che abbia celebrato il suo addio oggi in un giorno di festa mariana, ha detto il vescovo di Basilea. «So che avete una sana devozione alla Madre di Dio».

«Hai osato dire di sì 21 anni fa. Sono felice che tu abbia preso questo rischio», gli ha detto il vescovo Felix Gmür. «Lei è stato il volto amico di Dio per questa diocesi per più di 20 anni», ha continuato il vescovo di Basilea, chiamando il vescovo Theurillat «il portatore della simpatia di Dio» e «l’araldo di una Chiesa amica». Un uomo di Chiesa che «si è fatto coinvolgere dalla gente e ha osato vivere con loro».

I fedeli hanno poi circondato il vescovo Theurillat durante un ricco aperitivo nel giardino barocco del Palais Besenval, non lontano dalla cattedrale. I festeggiamenti sono continuati con conversazioni vivaci sotto gli alberi fino a tarda sera. (cath.ch/kath.ch/vr/bh)

Il vescovo Theurillat si congeda durante la celebrazione dei vespri del 15 agosto | © Vera Rüttimann
18 Agosto 2021 | 16:19
Condividere questo articolo!