Commento

Incontro di Bari: card. Koch, «dobbiamo continuare su questa strada»

«Dobbiamo continuare. Questi incontri sono molto importanti per aiutare, sostenere con grande forza questa Regione e sostenere tutti i Patriarchi e tutte le Chiese. Sono molto contento». Lo ha detto il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, parlando ad Avvenire, Sir e Radio inBlu a termine dell’incontro a Bari di Papa Francesco e i Capi delle Chiese e comunità cristiane del Medio Oriente per la pace.

«Un incontro molto importante per questa Regione», ha subito aggiunto. «Anche il messaggio del Santo Padre è stato molto forte ed ha segnato una bellissima conclusione, nello scambio di idee e proposte che hanno fatto tutti i Patriarchi e i loro rappresentanti». A Bari – commenta ancora Koch – è emerso «l’ecumenismo della vita, della convivenza e soprattutto della collaborazione, nell’aiutarci gli uni con gli altri. L’ecumenismo della santità perché tutto dipende dalla volontà di Dio, dal cercare la Sua volontà che è la pace, la fratellanza. E infine l’ecumenismo del martirio. Martirio bianco per la testimonianza, ma anche martirio rosso per tutto il sangue che i cristiani hanno versato».

Facendo un bilancio della giornata, il responsabile del dicastero vaticano per l’ecumenismo dice che «sono tanti, troppi i segni e le immagini che rimarranno. Penso allo scambio della pace durante la preghiera e il lancio delle colombe in cielo come segno di un messaggio di pace e di giustizia per questa Regione».

Ai giornalisti, il cardinale rivela anche qualche particolare della discussione che si è svolta a porte chiuse nella Basilica di San Nicola. «E’ stata aperta da una introduzione di 45 minuti molto corposa e importante di mons. Pierbattista Pizzaballa e poi ognuno ha potuto parlare. Tutti hanno preso la parola ed hanno portato il loro contributo«. Anche il Papa ha parlato: «E’ intervenuto», racconta Koch. «E soprattutto ha detto che noi pastori dobbiamo essere vicini al popolo, sostenerlo e dare forza. Una idea che era molto importante per lui».

Riguardo poi alle prospettive future che si potranno aprire, il cardinale invoca la forza dello Spirito Santo, che «aiuta e lavora nel cuore degli uomini». E aggiunge: «Penso che la solidarietà per il Medio Oriente può essere approfondita». Ma Bari ha lanciato anche un messaggio politico ai leader della terra perché «lascino questa regione e non facciano guerre. Il Santo Padre ha detto che non si può parlare di pace se ci si occupa di armi. Le armi distruggono tutto e i potenti hanno i loro interessi e non gli interessi dei popoli in Medio Oriente. Questo era un messaggio molto forte». I Patriarchi erano d’accordo? «Tutti – conferma Koch – sono stati molto contenti del discorso del Santo Padre e sono grati».

AgenziaSir

Il cardinale svizzero Koch, a capo dell'Ecumenismo del Vaticano e il metropolita ortodosso Hilarion
9 Luglio 2018 | 06:00
Bari (17), Koch (7)
Condividere questo articolo!