Vaticano

In Vaticano il congresso “Uguali alla nascita? Una responsabilità globale”

27.06.2018, 11:20 / redazionecatt

Il congresso internazionale “Uguali alla nascita? Una responsabilità globale”,  promosso dalla Pontificia Accademia per la Vita, oltre a porre una domanda centrale indica una direzione imprescindibile nella bioetica: quella dell’assunzione di responsabilità da parte degli Stati e di ogni essere umano. Nonostante le disuguaglianze economiche, negli ultimi anni – è stato ricordato durante il convegno che si tiene in Vaticano sono stati compiuti importanti passi per tutelare la salute materna e infantile.

Raggiunti gli obiettivi del millennio

Il prof. Carlo Hanau, docente di Statistica sanitaria, durante il suo intervento ha sottolineato che gli Obiettivi del millennio sui tassi di mortalità sotto i 5 anni sono stati quasi raggiunti: si è passati da 12,6 milioni di morti sotto i 5 anni nel 1990 a 5,6 nel 2016. Si è ridotto, negli ultimi anni, anche il tasso di mortalità neonatale, che scende da 5,1 a 2,6 milioni. Sono stati fissati i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile dal 2015 al 2030. Anche per questo arco temporale – ha detto il prof. Carlo Hanau – deve essere garantito un adeguato livello di finanziamenti da parte della comunità internazionale.

Migranti e salute infantile

Un fenomeno strettamente correlato alla salute materna e infantile è quello flussi migratori. Mons. Robert Vitillo, segretario generale della Commissione internazionale cattolica delle migrazioni, ha ricordato che la vita va tutelata in tutte le sue fasi.

Continua a leggere su VaticanNews.

Nomine nei media vaticani: Matteo Bruni direttore della Sala Stampa

18.07.2019

Matteo Bruni è stato nominato dal Papa direttore della Sala Stampa vaticana. Alessandro Gisotti e Sergio Centofanti sono stati nominati vicedirettori della Direzione Editoriale del Dicastero per la Comunicazione.

Caso Orlandi: il legale della famiglia: "le due tombe nel cimitero teutonico erano vuote"

11.07.2019

Prime indiscrezioni dopo l'apertura dei due sepolcri in Vaticano dove, secondo una lettera anonima, si sarebbero potuti trovare i resti della ragazza romana scomparsa 36 anni fa. Le tombe, appartenenti a due nobili tedesche dell'800, secondo la legale del fratello della Orlandi, all'apertura sono state trovate "vuote".

Emanuela Orlandi, ricordata durante un momento di preghiera

Caso Orlandi: iniziata questa mattina l'apertura in Vaticano di due tombe

11.07.2019

Sono iniziate alle 8.15 di stamane nel cimitero teutonico in Vaticano le operazioni di apertura di due tombe di due donne nobili germaniche dentro le quali, secondo una lettera anonima, potrebbero celarsi anche i resti della ragazza quindicenne, figlia di un dipendente del Vaticano, scomparsa ben 36 anni fa. Il perito forense, dottor Artusi, sta procedendo già in queste ore alle indagini del caso sui resti contenuti in questi sepolcri.