Nicola Di Feo ad Haiti, durante i saluti ufficiali in vista della sua partenza dall'isola caraibica
Diocesi
Nicola Di Feo ad Haiti, durante i saluti ufficiali in vista della sua partenza dall'isola caraibica

Il volontario della Diocesi di Lugano ad Haiti, Nicola Di Feo, torna in Ticino

04.07.2019, 18:00 / redazionecatt

Un anno e sei mesi è durato il servizio del ticinese Nicola di Feo, partito dalla Svizzera italiana come volontario della Diocesi di Lugano a servizio del progetto educativo della diocesi di Anse-à-Veau Miragoâne ad Haiti. Nicola, ieri, ha ricevuto ad Haiti il saluto ufficiale e i ringraziamenti per l’importante lavoro svolto da parte di collaboratori e amici, mentre domani lo attende il viaggio di rientro. Intanto il progetto, che si sviluppa nel dipartimento dei Nippes, sulla costa nord della penisola del Tiburon, va avanti. Il Nippes ha una superficie di 1270 kmq e conta una popolazione stimata in 350 mila abitanti, praticamente tutti originari haitiani. Si tratta di una zona molto povera. Nei mesi scorsi i volontari ticinesi hanno recensito l’attuale situazione di molte scuole del territorio rurale e montano della zona in cui operano. Come abbiamo più volte raccontato, la Chiesa cattolica in Haiti ha aperto scuole nelle zone rurali, dove lo Stato è totalmente assente, ma date le già precarie condizioni economiche, strutturali, dotazioni didattiche e insegnanti sono di livello preoccupante. In questo quadro si inserisce l’intervento di volontariato coordinato per la Diocesi di Lugano dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

(red)

Giovani ticinesi in cammino verso Santiago per aiutare i bambini libanesi

19.07.2019

Dieci giovani ticinesi martedì inizieranno a piedi il famoso pellegrinaggio verso Santiago di Compostela, partendo da Porto, in Portogallo, e percorrendo ben 230 chilometri. Cammineranno per promuovere un'iniziativa a favore di bambini disabili e poveri ospiti di case di religiose ai confini tra Libano e Sira. Ma anche noi, da casa, potremo sostenere l'iniziativa «Ogni km vale».

Da sin.: Mario Branda, sindaco, Fausto Riva, presidente consiglio parrocchiale, don Regazzi e Christian Paglia, municipale riuniti per l’inaugurazione della nuova illuminazione della Collegiata il 26. 2.2018 (CdT)

I 50 anni di sacerdozio di don Pierangelo Regazzi: «Grazie a lui la Collegiata è diventata la casa di tutti»

13.07.2019

50 anni di sacerdozio, di cui 13 anni a Bellinzona. I ricordi, per don Pierangelo Regazzi, sono davvero tanti: dai molteplici pellegrinaggi – uno o due all’anno – organizzati con i parrocchiani di Bellinzona e di altre parrocchie precedenti, tra cui uno degli ultimi in Armenia, agli sforzi per portare avanti il discorso ecumenico, fino a quelli, molto più remoti nel tempo, dei primi anni da sacerdote a Locarno.

ll nuovo numero del mensile Spighe

Il mensile dell'Azione Cattolica Ticinese: da Giubiasco che saluta don Angelo allo sciopero delle donne

11.07.2019

Come fuoco vivo" è infatti il titolo del numero estivo di Spighe. E di fuoco, da quello dello Spirito Santo spiegato da un teologo al fuoco spirituale che anima alcune belle testimonianze da quella di don Angelo Ruspini che lascia la sua parrocchia dopo decenni di vita spesa per il Vangelo e la sua comunità a storie di quotidiane testimonianze di fede, fino alle analisi sulla riflessione femminile nella Chiesa anche alla luce dello sciopero delle donne del 14 giugno scorso.