Svizzera

Il vescovo Lovey: un cammino sinodale sotto forma di visite pastorali

Il vescovo Jean-Marie Lovey di Sion ha spiegato alla stampa il 3 novembre 2021 che le prossime visite pastorali previste in tutti i servizi pastorali della parte francofona della diocesi saranno il suo modo di realizzare il suo cammino sinodale in vista del sinodo sulla sinodalità.

«Vedo la visita pastorale ai servizi diocesani come un vero viaggio sinodale. C’è una grazia che ci viene offerta per fare questo viaggio insieme», ha detto il vescovo Jean-Marie Lovey in una conferenza stampa la mattina nella residenza vescovile. Ha lanciato la fase di consultazione del sinodo sulla sinodalità, voluto da Papa Francesco, organizzando una celebrazione nella cattedrale di Sion il 17 ottobre.

Date le limitazioni legate al covid, il vescovo ha annunciato che non ci saranno «riunioni o celebrazioni con grandi gruppi». Ha quindi optato per un’altra strada.

Una maratona sinodale

Forte della sua esperienza di visite pastorali ai diversi settori, che gli ha permesso di «radiografare» la sua diocesi, il vescovo di Sion prevede questa modalità di incontro per il suo viaggio sinodale… o meglio la sua maratona sinodale.

Mons. Lovey ha previsto di fare 47 visite a tutti i servizi pastorali della parte francofona della diocesi: tra gli altri, quelli legati alla formazione, alla salute, alla diaconia, alla catechesi e alla famiglia. In tutto, sei settimane di visite sono state programmate nella sua agenda. Il vescovo stima che le sue visite dureranno da mezza giornata a diversi giorni, a seconda delle dimensioni dei servizi interessati. «Il settore sanitario richiederà diversi giorni di visite agli ospedali», mentre mezza giornata sarà sufficiente per altre entità.

Il giorno dei consigli comunitari, il giorno dei consigli di gestione, il giorno con i sacerdoti, gli incontri con i detenuti, saranno tutte occasioni di scambio tra loro sul tema della sinodalità intorno al questionario preparato da Roma.

Possibile incontro con i fedeli

Non è a conoscenza di nessun gruppo o parrocchia che abbia iniziato un processo sinodale e non ci sono incontri con i fedeli attualmente in programma. «Ma perché no? Posso immaginare tre luoghi di incontro per altrettante serate dove chiunque può venire a discutere i temi del documento di Roma.

«Abbiamo anche previsto un incontro sulla sinodalità a «Verso l’Alto» – il ristorante della Casa della Diaconia – ma la forma di questo incontro è ancora da determinare. Questo è previsto per l’ultima domenica di novembre», dice Joëlle Carron, responsabile del luogo e membro del Servizio Diocesano per la Diaconia. Il gruppo «Fratello du Valais» organizzerà anche un pomeriggio per permettere ai suoi membri di incontrarsi, ha aggiunto Joëlle Caron.

Joëlle Carron, une des trois femmes du Conseil épiscopal de Mgr Lovey | © Bernard Hallet

Il posto delle donne nella Chiesa è stato l’altro tema discusso nella residenza del vescovo. Joëlle Carron, in qualità di delegato episcopale per la diaconia, ha parlato di questo tema. La consacrata è anche una delle tre donne, insieme a suor Adrienne Barras, delegata episcopale per la vita consacrata, e Madeleine Kronig, delegata di lingua tedesca per la formazione pastorale nella Chiesa, che fanno parte del Consiglio episcopale.

«Femminilizzazione» del Consiglio Episcopale

Queste nomine, fatte nel 2019, sono il risultato del desiderio del vescovo di aumentare la presenza femminile nel suo consiglio episcopale. «Il posto delle donne non è sempre stato quello che avrebbero desiderato, rivendicato, a volte, quello, in ogni caso, che meritavano di diritto, essendo in tutto uguali agli uomini!», ha detto Mons. Lovey.

«Il Consiglio Episcopale ha ora tre donne su otto membri, cioè il 37,5% di donne. Si tratta di una percentuale superiore a quella del Gran Consiglio vallesano (34% – senza nemmeno osare parlare del Consiglio di Stato!)», ha aggiunto Joëlle Carron, per il quale è «estremamente importante che tutta la popolazione sia presente nei nostri organi di governo».

Il delegato per la diaconia ha notato che la presenza delle donne nella Chiesa è numericamente alta, in particolare nelle assemblee eucaristiche, nella catechesi e nell’iniziazione alla fede. Nonostante questi progressi, lei crede che la strada verso l’uguaglianza tra uomini e donne «non è finita». (cath.ch/bh)

4 Novembre 2021 | 18:37
Condividere questo articolo!