Papa e Vaticano

Il Papa: rendere le carceri luoghi di recupero non polveriere di rabbia

Francesco pronuncia una parola difficile a chi ogni giorno nelle carceri italiane è chiamato ad ascoltare il grido della disperazione, l’urlo della rassegnazione, a sventare gesti estremi. Chiede nell’udienza in Piazza San Pietro agli uomini e alle donne della Polizia Penitenziaria, ai cappellani e ai volontari che lavorano nelle prigioni, di non soffocare mai la «fiammella della speranza», esorta poi a garantire «prospettive di riconciliazione e reinserimento» mentre chi è detenuto paga il debito con la società e fa i conti con gli sbagli del passato. Ma Francesco insiste molto sul rispetto della dignità di chi è in prigione e sull’ergastolo come soluzione per chiudere «in cella la speranza».

Continua a leggere su VaticanNews.

14 Settembre 2019 | 19:50
Condividere questo articolo!