angelus

Il Papa: "Portate amore e misericordia all'umanità di oggi"

10.02.2019, 16:36 / redazionecatt

La chiamata di Pietro è stato il tema centrale su cui il Pontefice ha incentrato la meditazione dell’odierno Angelus domenicale. Pietro – ha sottolineato il Papa – si fida della parola di Gesù: “È la risposta della fede, che anche noi siamo chiamati a dare; è l’atteggiamento di disponibilità che il Signore chiede a tutti i suoi discepoli, soprattutto a quanti hanno compiti di responsabilità nella Chiesa. E l’obbedienza fiduciosa di Pietro genera un risultato prodigioso: si tratta di una pesca miracolosa, segno della potenza della parola di Gesù: quando ci mettiamo con generosità al suo servizio, Egli compie in noi cose grandi”.

“Così” – ha proseguito Francesco – Gesù “agisce con ciascuno di noi: ci chiede di accoglierlo sulla barca della nostra vita, per ripartire con Lui e solcare un nuovo mare, che si rivela carico di sorprese. Il suo invito a uscire nel mare aperto dell’umanità del nostro tempo, per essere testimoni di bontà e di misericordia, dà senso nuovo alla nostra esistenza, che rischia spesso di appiattirsi su sé stessa”.

La tentazione di rifiutare la chiamata
Ognuno di noi – ha ammesso il Papa – può essere tentato di rifiutare la chiamata perché ci sentiamo non adeguati. E anche Pietro ha questa tentazione, ma “Gesù lo incoraggia dicendo: non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini, perché Dio, se ci fidiamo di Lui, ci libera dal nostro peccato e ci apre davanti un orizzonte nuovo: collaborare alla sua missione. Il miracolo più grande compiuto da Gesù per Simone e gli altri pescatori delusi e stanchi, non è tanto la rete piena di pesci, quanto l’averli aiutati a non cadere vittime della delusione e dello scoraggiamento di fronte alle sconfitte. Li ha aperti a diventare annunciatori e testimoni della sua parola e del regno di Dio. E la risposta dei discepoli è stata pronta e totale”.

L’appello del Papa in occasione della V Giornata mondiale contro la tratta di persone
Dopo aver recitato l’Angelus, il Papa ha ricordato la memoria liturgica di Santa Giuseppina Bakhita e la contemporanea – due giorni fa – celebrazione della V Giornata mondiale contro la tratta di persone. Il Papa ha invitato “ad unire le forze per vincere questa sfida. Ringrazio tutti coloro che combattono su questo fronte, in particolare tante religiose. Faccio appello specialmente ai governi, perché siano affrontate con decisione le cause di tale piaga e siano protette le vittime”. Francesco ha poi invitato tutti a denunciare “i casi di sfruttamento e schiavitù di uomini, donne e bambini. La preghiera è la forza che sostiene il nostro impegno comune” e per questo ha recitato insieme ai fedeli presenti in Piazza San Pietro la preghiera a Santa Giuseppina Bakhita.

acistampa/red

Convenzioni di Ginevra. L'appello del Papa all'Angelus: tutti devono rispettarle

11.08.2019

Alla vigilia dell’anniversario delle quattro Convenzioni di Ginevra, Papa Francesco torna a sottolineare quanto, ancora oggi, sia fondamentale proteggere e tutelare tutti coloro che sono coinvolti nei conflitti armati, in modo particolare i civili inermi.

Papa Francesco: "Le ricchezze incantenano il cuore e distolgono dal tesoro nei cieli"

04.08.2019

Nell'Angelus di oggi il Papa prega per le vittime degli episodi di violenza in Texas, California e Ohio, negli Stati Uniti. Poi ricorda a tutti che la vera ricchezza è solo il tesoro nei cieli.

Il Papa durante la preghiera dell'Angelus

Naufragio in Libia: appello del Papa alla comunità internazionale

28.07.2019

Francesco ha condiviso con i pellegrini riuniti in piazza San Pietro il suo «dolore» nell’aver appreso «la notizia del drammatico naufragio, avvenuto nei giorni scorsi nelle acque del Mediterraneo, costato la vita ad oltre 150 migranti, tra i quali donne e bambini.