Il 2 marzo 1939, nel giorno del suo 63º compleanno, il cardinale Eugenio Maria Pacelli diventa Papa con il nome di Pio XII. (foto archivio GdP)
Vaticano
Il 2 marzo 1939, nel giorno del suo 63º compleanno, il cardinale Eugenio Maria Pacelli diventa Papa con il nome di Pio XII. (foto archivio GdP)

Il Papa: fra un anno l’apertura degli archivi su Pio XII

04.03.2019, 15:30 / RedCattKG

Il 2 marzo 2020 saranno aperti gli Archivi Vaticani per il Pontificato di Pio XII, a 81 anni esatti dall’elezione al Soglio di Pietro di Eugenio Pacelli del 1939. Ad annunciarlo papa Francesco, ricevendo gli Officiali dell’Archivio Segreto Vaticano.

Una corposa documentazione
Il Papa li ringrazia per il lavoro “di inventariazione e preparazione della corposa documentazione” al riguardo, iniziato nel 2006 per “desiderio” di Benedetto XVI.

Questo costante e non lieve impegno, vostro e dei vostri colleghi, mi permette oggi, in ricordo di quella significativa ricorrenza, di annunciare la mia decisione di aprire alla consultazione dei ricercatori la documentazione archivistica attinente al Pontificato di Pio XII, sino alla sua morte, avvenuta a Castel Gandolfo il 9 ottobre 1958.

Qualche pregiudizio o esagerazione
Il Servo di Dio Pio XII, ricorda Francesco citando la ricorrenza appena trascorsa degli 80 anni “dall’elezione a Sommo Pontefice”, “si trovò a condurre la Barca di Pietro in un momento fra i più tristi e bui del secolo Ventesimo, agitato e in tanta parte squarciato dall’ultimo conflitto mondiale, con il conseguente periodo di riassetto delle Nazioni e la ricostruzione post-bellica”.

Questa figura è stata già indagata e studiata in tanti suoi aspetti, a volte discussa e perfino criticata (si direbbe con qualche pregiudizio o esagerazione). Oggi essa è opportunamente rivalutata e anzi posta nella giusta luce per le sue poliedriche qualità: pastorali, anzitutto, ma poi teologiche, ascetiche, diplomatiche.

Una giusta luce
Il Pontefice spiega che la decisione sulla documentazione, già resa “consultabile” in parte dalla “fiducia” di San Paolo VI e San Giovanni Paolo II, è stata presa – dopo aver sentito il parere dei suoi più stretti collaboratori – “con animo sereno e fiducioso”.

La seria e obiettiva ricerca storica saprà valutare nella sua giusta luce, con appropriata critica, momenti di esaltazione di quel Pontefice e, senza dubbio anche momenti di gravi difficoltà, di tormentate decisioni, di umana e cristiana prudenza, che a taluni poterono apparire reticenza, e che invece furono tentativi, umanamente anche molto combattuti, per tenere accesa, nei periodi di più fitto buio e di crudeltà, la fiammella delle iniziative umanitarie, della nascosta ma attiva diplomazia, della speranza in possibili buone aperture dei cuori.

Amare meglio la storia
Il Papa si dice sicuro dell’adeguata lettura di tale “patrimonio documentario”.

La Chiesa non ha paura della storia, anzi, la ama, e vorrebbe amarla di più e meglio, come la ama Dio!

L’impegno del personale
Ringraziando l’Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, mons. José Tolentino Calaça de Mendonça, che aveva rivolto un saluto a nome dei presenti, e assieme il Prefetto dell’Archivio Segreto Vaticano, mons. Sergio Pagano, il prof. Paolo Vian, neo-viceprefetto, e gli archivisti, scrittori, assistenti e dipendenti, come pure i professori della Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, Francesco auspica di “proseguire nell’impegno di assistenza ai ricercatori – assistenza scientifica e materiale – e anche nella pubblicazione delle fonti pacelliane che saranno ritenute importanti”, come del resto sta già avvenendo da alcuni anni.

Per un approfondimento si può leggere anche l’intervista di Vatican News al vescovo Sergio Pagano, Prefetto dell’Archivio Segreto Vaticano.

(Vatican News)

Nomine nei media vaticani: Matteo Bruni direttore della Sala Stampa

18.07.2019

Matteo Bruni è stato nominato dal Papa direttore della Sala Stampa vaticana. Alessandro Gisotti e Sergio Centofanti sono stati nominati vicedirettori della Direzione Editoriale del Dicastero per la Comunicazione.

Caso Orlandi: il legale della famiglia: "le due tombe nel cimitero teutonico erano vuote"

11.07.2019

Prime indiscrezioni dopo l'apertura dei due sepolcri in Vaticano dove, secondo una lettera anonima, si sarebbero potuti trovare i resti della ragazza romana scomparsa 36 anni fa. Le tombe, appartenenti a due nobili tedesche dell'800, secondo la legale del fratello della Orlandi, all'apertura sono state trovate "vuote".

Emanuela Orlandi, ricordata durante un momento di preghiera

Caso Orlandi: iniziata questa mattina l'apertura in Vaticano di due tombe

11.07.2019

Sono iniziate alle 8.15 di stamane nel cimitero teutonico in Vaticano le operazioni di apertura di due tombe di due donne nobili germaniche dentro le quali, secondo una lettera anonima, potrebbero celarsi anche i resti della ragazza quindicenne, figlia di un dipendente del Vaticano, scomparsa ben 36 anni fa. Il perito forense, dottor Artusi, sta procedendo già in queste ore alle indagini del caso sui resti contenuti in questi sepolcri.