Svizzera

Il libro «Im Fahr» vince il premio dei media dei vescovi svizzeri

Susann Bosshard-Kälin e Christoph Hammer hanno vinto il premio dei media 2019 della Conferenza dei Vescovi Svizzeri per il loro libro «Im Fahr». L’opera testimonia la vita quotidiana delle benedettine del convento di Fahr, nel canton Argovia.

Un volume di 300 pagine che racconta le storie di vita delle 21 suore benedettine del convento argoviano di Fahr, attraverso le loro testimonianze e le illustrazioni in bianco e nero: è questa l’opera alla quale i vescovi svizzeri hanno assegnato quest’anno il Premio Catholic Media. Titolo del libro è «Im Fahr. Die Klosterfrauen erzahlen aus ihrem Leben».

Con 4.000 franchi, ogni anno il premio riconosce libri e iniziative che portano il Vangelo in modo diverso rispetto ai media della chiesa.

Autenticità monastica

L’immensa gioia di vivere che si percepisce dalle storie ha impressionato la giuria, che ha considerato il libro come una testimonianza autentica e di successo della fede cristiana. Il volume offre un’immagine coraggiosa e toccante di ciò che significa condurre una vita monastica, cercare e trovare gioia ma anche resistere alle tentazioni della quotidianità.

Secondo la giuria, la modestia che si percepisce da questi ritratti intimi è l’espressione di un modo di vivere prezioso. «Ogni storia è una piccola gemma giornalistica che si sarebbe scritta da sé. Inoltre, il libro si legge come un mosaico di storie di vita diverse e toccanti.» La vicinanza delle benedettine alla natura e la loro cura attraverso cui gestiscono ciò di cui hanno bisogno offre inoltre ai lettori l’opportunità di riflettere sul proprio comportamento ecologico. Ciò che la società contemporanea cerca, a volte dolorosamente, di riscoprire è perpetuato a Fahr in modo immutabile e naturale attraverso i secoli.

Menzione speciale

La giuria nazionale ha anche deciso di assegnare un riconoscimento  speciale ai quattro episodi della serie in lingua tedesca «WG der Religionen», diretta da Mattofilms per il canale televisivo tedesco SRF. I due produttori, Matthias Müller e Manuel Gamma, mostrano cosa succede quando un cristiano, un musulmano, un ebreo, un buddista e un ateo tentano la convivenza interreligiosa in un coinquilino. Per gli autori, non si tratta di cercare il confronto, ma di rendere possibile un riavvicinamento pieno di curiosità e svuotamento della loro sostanza dei cliché reciproci.

I premi verranno assegnati il «»»«3 dicembre 2019 nell’ambito della 326a Assemblea ordinaria della Conferenza episcopale svizzera che si terrà a Lugano.

cath.ch/redazione

I vincitori

Susann Bosshard Kälin è una giornalista indipendente e autrice di diversi libri. Ha collaborato a diverse pubblicazioni in Svizzera e all’estero. Il suo libro «Beruf Bäuerin (Profession: paysanne)» ha riscontrato grande successo.

Christoph Hammer è un fotografo. Ha viaggiato per il mondo per molti anni per una organizzazione per i diritti umani all’interno delle regioni di crisi e di guerra e ha prodotto vari progetti, mostre e pubblicazioni.

Matthias Müller è un produttore indipendente per la televisione SFR, ideatore di programmi e storyteller. In particolare, ha sviluppato vari programmi per la radio e la televisione svizzeri, tra cui la serie di documentari «SRF bi de Lüt – Unser Dorf» .

Manuel Gamma è un giornalista e produttore freelance. È uno dei creatori dei programmi «Der Club» e «Glanz und Gloria»; della radio e della televisione SRF.

A questo link un articolo del nostro portale sulla realtà del monastero di Fahr: https://www.catt.ch/newsi/ritrovare-la-brace-che-arde-sotto-la-cenere-degli-scandali/

Le monache benedettine del monastero di Fahr, nella Diocesi di Basilea, guidate da madre Irene Gassmann, hanno recentemente manifestato per il diritto di voto delle donne al Sinodo.
18 Novembre 2019 | 15:41
Condividere questo articolo!