I neocardinali con il Presidente della Repubblica italiana.
Chiesa
I neocardinali con il Presidente della Repubblica italiana.

I neocardinali ricevuti dal Presidente della Repubblica italiana Mattarella

11.07.2018, 17:00 / redazionecatt

Il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha offerto oggi, al Palazzo del Quirinale, la tradizionale colazione in onore dei nuovi cardinali italiani nominati nel concistoro del 28 giugno 2018.

Si tratta del cardinale Angelo De Donatis, vicario generale del Papa per la diocesi di Roma, del cardinale Giovanni Angelo Becciu, nominato prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e del cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila. Erano presenti il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico in Italia e Pietro Sebastiani, ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede.

Agenzie

L'arcivescovo Mario Delpini

Mons. Delpini: "Resistere alla paura verso i migranti, alla omologazione che ci vuole tutti consumatori, alla rassegnazione e alla sfiducia"

12.11.2018

Ma è proprio vero che il nostro benessere è in pericolo perché arrivano i migranti? Quando si definiscono le persone e le situazioni come minacciose allora la gente è anche motivata a fare la guerra. Dobbiamo resistere e perseverare in una pratica di accoglienza che ha mostrato che le paure non sono fondate e che, al contrario, l'attenzione alle persone è fruttuosa. Sono parole dell'Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini.

Domemica dei Popoli. Messaggio dei Vescovi Svizzeri

11.11.2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati

Benedetta Bianchi Porro.

Benedetta Bianchi Porro, il fratello Corrado: "Abbiamo ricevuto una grazia immensa"

10.11.2018

Due donne laiche italiane saranno presto elevate agli onori degli altari. Si tratta di Edvige Carboni e Benedetta Bianchi Porro; il fratello Corrado: "Noi che le siamo stati accanto abbiamo avuto la soddisfazione di non aver dato niente e aver ricevuto solo una grazia immensa; è questo che ci da il nostro Re".