I Magi visti dal poeta Turoldo

Una festa di luce, di incontri, di rendimento di grazie. Nella solennità dell’Epifania, la Chiesa celebra la manifestazione della divinità del Signore all’intera umanità. A tutte le genti, simboleggiate dai Magi, di cui parla il Vangelo di Matteo. Un pellegrinaggio il loro, in cui vengono portate a compimento le profezie di tutti i tempi. «Cammineranno i popoli alla tua luce – recita il Libro di Isaia – i re allo splendere del tuo sorgere, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore». L’Epifania, soprattutto il cammino dei Magi, ha ispirato tanti mistici e poeti. Particolarmente suggestiva e profonda la poesia spirituale del poeta e religioso italiano David Maria Turoldo (1916-1992). I Magi incarnano nel Nuovo Testamento e nella leggenda popolare l’emblema della saggezza. Ma essere saggi non è l’avere certezze – come nota David Maria Turoldo – essere saggi significa mettersi sempre in cammino, coltivare i dubbi, esplorare le strade per vedere quali portino alla verità e quali alla menzogna, evitando le insidie dei potenti di turno. Per questo i Magi devono essere i nostri santi, quelli della continua ricerca che conduce alla luce. I versi di padre Turoldo per la festa del 6 gennaio:

Eran partiti da terre lontane: in carovane di quanti e da dove?
Sempre difficile il punto d’avvio, contare il numero è sempre impossibile.

Lasciano case e beni e certezze, gente mai sazia dei loro possessi, gente più grande, delusa, inquieta: dalla Scrittura chiamati sapienti!


Le notti che hanno vegliato da soli, scrutando il corso del tempo insondabile, seguendo astri, fissando gli abissi fino a bruciarsi gli occhi del cuore!


Naufraghi sempre in questo infinito, eppure sempre a tentare, a chiedere, dietro la stella che appare e dispare, lungo un cammino che è sempre imprevisto.

Magi, voi siete i santi più nostri, i pellegrini del cielo, gli eletti, l’anima eterna dell’uomo che cerca, cui solo Iddio è luce e mistero.

David Maria Turoldo

6 Gennaio 2021 | 05:21
Condividere questo articolo!