dal Mondo

I Congressi eucaristici cinesi, un “segno dei tempi”

13.07.2018, 06:00 / redazionecatt

Hanno sfilato in migliaia per le strade della città, nonostante le minacce di temporale che a un certo punto si sono trasformate in pioggia battente. Domenica 8 luglio, vigilia della commemorazione dei martiri cinesi, i cattolici di Fengxiang hanno concluso in questo modo pubblico e solenne il loro Congresso Eucaristico diocesano. Per l’occasione, la cattedrale è stata decorata in maniera speciale. La processione eucaristica, iniziata dopo la liturgia solenne, è sfilata per più di un’ora e mezza per le strade cittadine. Ad aprire il corteo c’erano centinaia di bambini, seguiti da sacerdoti, religiosi, religiose e poi dalla moltitudine di fedeli giovani e adulti. Mentre lungo le vie, al passaggio del corteo, si affollavano i curiosi. A Fengxiang, il Congresso eucaristico diocesano viene organizzato una volta ogni due anni. La sua singolarità consiste proprio nell’essere diventato un appuntamento frequente e quasi ordinario nel programma pastorale.

Il “patriarca” Lucas Li 

A favorire la celebrazione così frequente del Congresso eucaristico nella diocesi dello Shaanxi era stato il vescovo Lucas Li Jingfeng, scomparso nel novembre 2017 alla veneranda età di 95 anni. Lucas Li era uno dei “patriarchi” della Chiesa cattolica in Cina nei suoi ultimi decenni tribolati. La sua ordinazione episcopale, avvenuta nel 1980, all’inizio non era stata riconosciuta dagli apparati governativi. Poi, col tempo, il suo rapporto con loro era evoluto, il governo lo aveva riconosciuto come vescovo e lui era entrato in rapporto contatto pubblico con l’autorità civile. L’anziano vescovo era entusiasta della “Lettera” ai cattolici cinesi pubblicata nel 2007 da Benedetto XVI. A suo giudizio, quel documento indicava «l’unica via e la speranza per cancellare la discordia e la mancanza di pace che che sono presenti nella Chiesa in Cina». Papa Benedetto, nel 2005, aveva anche provato a invitare Lucas Li e altri tre vescovi cinesi al Sinodo dei Vescovi sull’eucaristia (opportunità negata dal governo di Pechino).

Continua a leggere l’approfondimento su VaticanInsider.

Il presidente delle Filippine

Il presidente delle Filippine insulta duramente i vescovi locali

10.12.2018

Hanno suscitato preoccupazione ma anche indignazione nelle Filippine e nel mondo, soprattutto tra le organizzazioni che cooperano dall'estero con la Chiesa nelle Filippine, le assurde ed infondate dichiarazioni del presidente Duterte contro i vescovi del Paese. Secondo la fonte di Asianews, Duterte ha definito i vescovi "inutili" ed ha invitato i fedeli ad "ucciderli". L'episcopato filippino che accusa Duterte di violazione di diritti umani non ha voluto replicare alle ennesime violente illazioni del Capo di Stato.

A 70 anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo c’è ancora molto da fare

10.12.2018

Papa Francesco: “È opportuno non solo celebrare la memoria di quello storico evento, ma anche impostare una riflessione approfondita sulla sua attuazione e sullo sviluppo della visione dei diritti umani nel mondo odierno”

Al Azhar

A due anni dal viaggio del Papa in Egitto i frutti del dialogo

06.12.2018

Due anni fa Francesco compiva un passo ulteriore nel delicato dialogo con al-Azhar, la più grande università musulmana al mondo. L'agenziasir ha incontrato fr. Jean Druel, direttore Al Cairo dell'Istituto domenicano di studi orientali.