Internazionale

Haiti: oggi marcia di preghiera per la pace e per aiutare a prendere atto della gravità della situazione

La Conferenza haitiana dei religiosi, in una nota pubblicata nel fine settimana, ha convocato i fedeli a partecipare a partire dalle 9 di oggi (ora locale) a una marcia silenziosa nella capitale Port-au-Prince e nelle principali città, per pregare per la pace e per aiutare a prendere atto della gravità della situazione nel Paese caraibico, dove da un anno (e con particolare forza e violenza nelle ultime settimane) si susseguono manifestazioni contro il presidente Jovenel Moise, che rifiuta però di abbandonare il potere.

Nella nota i religiosi haitiani si rivolgono alla coscienza di tutti, in particolare al capo del potere esecutivo, affinché prendano atto della serietà della situazione e di conseguenza assumano «una decisione saggia per il bene di Haiti».
Nella nota si fa riferimento alla «crisi umanitaria senza precedenti», «frutto di una crisi molto più profonda, che colpisce le basi stesse della nostra convivenza nella sua dimensione politica, economica, sociale e religiosa»; e al «fallimento totale delle nostre istituzioni repubblicane».

Viene, inoltre, spiegato che «a causa dell’insensibilità e dell’indifferenza dei diversi attori politici verso il futuro del Paese, a causa del clima generale di insicurezza, ci troviamo obbligati a tenere chiuse le porte delle nostre istituzioni, fino a quando la crisi non troverà una via d’uscita».

(AgenSIR)

22 Ottobre 2019 | 12:49
crisi (21), haiti (61)
Condividere questo articolo!

En relation